‘Ndrangheta: 18 fermi in Calabria e in Svizzera

Print Friendly

I Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura Distrettuale Antimafia nei confronti di 18 presunti affiliati alla ‘ndrangheta, di cui due catturati nella provincia di Reggio ed i restanti 16 localizzati dalla Polizia Federale elvetica e che saranno arrestati dopo l’espletamento delle procedure estradizionali.

frauenfeld-svizzera-operazione-helvetica

Gli indagati sono tutti ritenuti componenti dell’articolazione territoriale ‘ndranghetistica denominata Società di Frauenfeld (Svizzera) che dipenderebbe dalla “Locale di Fabrizia” di Vibo e accusati di associazione di tipo mafioso aggravata dal reato transnazionale in quanto commesso in Italia e Svizzera da un gruppo criminale organizzato impegnato in più di uno stato.

Leggi il resto

Turisti napoletani ostaggi dei rifiuti in Calabria

Print Friendly

Centinaia le segnalazioni al nostro giornale per la presenza di numerose micro discariche di rifiuti lungo le strade di diverse città della riviera dei Cedri.

thumb.aspx

L’estate 2014 sarà ricordata dai cittadini e bagnanti della riviera dei Cedri con delle allegre e colorate “cartoline” che ritraggono cassonetti della spazzatura strapieni, cigli di strade sommersi da sacchetti di monnezza, discariche a cielo aperto in ogni parte della città. Si tratta di ogni tipo di rifiuti: dagli organici alla plastica al vetro passando per l’indifferenziato, l’umido e gli ingombranti.

Leggi il resto

Discarica di San Leo-Stop al conferimento di organico che causa la puzza

Print Friendly

di Emanuela Alvaro per lente locale
sitinprotestarifiuti

SIDERNO – Ci vorranno dai tre ai quindici giorni per lo smaltimento del materiale organico che causa il cattivo odore all’impianto di separazione dei rifiuti di contrada San Leo di Siderno.

E’ quanto è emerso dalla riunione dei sindaci della Locride che ha avuto luogo questo pomeriggio proprio nella sede della struttura conosciuta da tutti come la discarica.

Fatto questo si risolve il problema dell’odore nauseabondo che infesta l’aria delle zone limitrofe e, specie la sera, si sente anche in buona parte di Locri e Siderno. Leggi il resto

Tutti i compiti della Commissione Gratteri

Print Friendly

È già al lavoro l’organismo voluto da Renzi per creare nuovi strumenti di contrasto alla criminalità organizzata

d2165d674bef09f206b1ccae9a5f8938_L

Nicola Gratteri ed Antonio Mazzone

È già al lavoro la “Commissione Gratteri”, insediata dal premier Matteo Renzi per riscrivere norme, procedure e regolamenti in modo da creare nuovi strumenti di contrasto alla criminalità organizzata. Già nella giornata di ieri, infatti, sono stati distribuiti i primi incarichi di lavoro ed è stato redatto un cronoprogramma che dovrà consentire già nel mese di agosto l’avvio di raccolta dati e la stesura di un articolato complesso di norme da rivisitare.

Leggi il resto

Tabularasa, a Gerace riflettori puntati su informazione e legalità

Print Friendly

CCI31072014_0003 - Copia compressa

Al capolinea anche la quinta edizione estiva di Tabularasa. Un’altra grande carrellata di dibattiti, incontri, spettacoli, opportunità per pensare, attraverso un’innovativa proposta di “entertainment culturale”, come l’hanno definita gli ideatori Raffaele Mortelliti e Giusva Branca. La kermesse presenta un bilancio di alto livello. A parlare sono gli eloquenti numeri: 23 serate, 16 appuntamenti “Tabularasa Kids” (dedicati ai più piccoli), 11 incontri per le performance artistiche di “Tabularasa alone”, 6 concerti per “Tabularasa Carnefresca”, 132 ospiti sul palco. E ancora: il premio internazionale “Strillaerischia” e, infine, 5 suggestive location: Reggio, Gambarie, Gerace, Lamezia Terme e Lipari.

Leggi il resto

Confiscati beni per 100 milioni di euro all’imprenditore Citrigno. Anche diverse cliniche

Print Friendly

I sequestri a suo tempo predisposti dalla Dia sono stati trasformati in confisca dopo la condanna definitiva per usura aggravata a carico del noto imprenditore cosentino. Tra i beni confiscati anche il Centro clinico Ortensia

citrigno_piero

CATANZARO – Una importante confisca di beni per un ammontare stimato in circa 100 milioni di euro è stata portata a termine dagli uomini della Direzione Investigativa Antimafia di Catanzaro, coordinati dal Centro Operativo di Reggio Calabria, nei confronti di Pietro Citrigno, noto imprenditore cosentino, sottoposto a detenzione domiciliare dopo una condanna definitiva a quattro anni ed otto mesi di reclusione per il reato di usura aggravata nell’ambito del processo “Twister”.

Leggi il resto