Ospedale di Locri, i sindaci tirano le somme. Tensioni tra Luglio e i presidenti (VIDEO)

Print Friendly

Ieri la prima assemblea dopo il sit-in romano. Animi accesi in aula. E Calabrese ‘rompe’ con Oliverio

2017_ospedale-locri-ok

di Ilario Balì
Alla fine il bicchiere è mezzo pieno. Il bilancio dei sindaci una settimana dopo la “marcia” su Roma a difesa dell’ospedale di Locri resta positivo.

A tracciarlo nel corso dell’assemblea di ieri a Siderno il presidente di AssoComuni Locride Franco Candia. «Abbiamo lanciato un segnale – ha affermato il sindaco di Stignano – Non è stata una protesta ma un sit-in istituzionale senza precedenti nella storia di questa assemblea. Nessuno ci ha ignorato – ha aggiunto Candia – e ringrazio il vescovo per il sostegno e le belle parole». Dello stesso parere anche il presidente del comitato Rosario Rocca, il quale ha colto l’occasione per levarsi qualche sassolino dalle scarpe. «Alcuni colleghi hanno ridicolizzato la nostra iniziativa irridendoci pubblicamente sui social network» ha tuonato Rocca alludendo ai contributi video postati su Facebook da Rocco Luglio, il quale ha definito l’iniziativa capitolina una fallimentare scampagnata.

Assente fisicamente ieri ma sempre sul pezzo il sindaco di Locri Giovanni Calabrese, che ha affidato proprio a Fb le sue riflessioni al veleno. «Oliverio e company erano troppo impegnati a “coccolare” il serbatoio elettorale dei forestali per cogliere l’importanza di una giusta visita in ospedale alla luce dei recenti fatti – scrive Calabrese – Tanta insensibilità politica lascia di stucco ed amareggia ed umilia Locri e la Locride che sulla sanità avrebbero meritato proprio oggi un atteggiamento diverso dalle istituzioni ed in particolare dal Presidente Oliverio che fino a questo momento, malgrado le differenze politiche, avevamo apprezzato per il garbo istituzionale e quantomeno per la frequente ed inusuale presenza nella Locride». «La “svista sanitaria” di ieri – epiloga il sindaco di Locri – pone seri interrogativi sul futuro del nostro presidio ospedaliero sempre più abbandonato ed oggi in preda all’isteria politica degli uomini del Pd reggino che non hanno alcun interesse a favorire la ripresa dell’Ospedale di Locri».

Intanto la maggioranza dei sindaci ha approvato la proposta di Rocca per l’istituzione di un osservatorio sulla situazione della sanità nella Locride, proprio nel giorno in cui è stata sottoscritta la convenzione per la realizzazione della nuova Casa della Salute a Siderno, in luogo del vecchio nosocomio.
Fonte: LA C