Locri, cittadinanza onoraria a don Luigi Ciotti e all’associazione “Libera”

Print Friendly

Giovanni Calabrese scrive a Don Luigi Ciotti

giovanni-calabrese

Caro Don Luigi,
la memoria è un impegno e Lei lo sa bene.


Nei nostri cuori e nella nostra mente ha un peso enorme, talvolta scomoda, tenta di colmare i vuoti, chiede di essere onorata, procede inarrestabile nell’esistenza di ognuno di noi e ci forma, ci rende ciò che siamo; la memoria è il nostro punto di partenza, la nostra forza e la nostra debolezza; la memoria ci induce a fare delle scelte, ci segue, non ci lascia mai andare.
La nostra storia personale e la storia sociale si incontrano in una giornata speciale, il 21 Marzo. Primo giorno di Primavera, il giorno della rinascita della natura che, in letargo per mesi, decide di regalarci colori e magia nuovi.
Leggere la Storia della nostra Terra non basta: esiste un momento in cui tutti noi dobbiamo scendere per strada e rivendicare la nostra libertà, ricordando chi purtroppo non può più farlo.
Ci riempie di orgoglio che sia stata scelta la città di Locri come sede per la “XXII GIORNATA DELLA MEMORIA E DELL’IMPEGNO IN RICORDO DELLE VITTIME INNOCENTI DELLE MAFIE”, promossa dalla Sua Associazione.
L’Amministrazione Comunale che ho l’onore di guidare, composta da uomini e donne attive, da persone che come me hanno l’obiettivo di migliorare questa terra, impegnandosi quotidianamente a servizio dei cittadini, esprime il proprio supporto a Lei, al suo gruppo e verso tutte le azioni di legalità che devono, oggi più che mai, risvegliare le coscienze e soprattutto animare la vita di tanti giovani ragazzi, molti, in balia di sentimenti contrastanti.
Il suo coraggio, la sua parola siano esempio per tutti quei giovani, oggi forse accecati dai falsi valori,
affinché scelgano l’istruzione, la cultura, la via della cooperazione sana e siano responsabili della loro stessa vita.
Non è semplice, lo sappiamo, amministrare nei nostri territorio, spesso colpiti da forme di
arroganza e malvagità estrema, ma il nostro coraggio e la nostra coscienza nell’agire per il bene pubblico, ci
devono spingere, anzi ci conducono a non arrendersi, a lavorare in sinergia con la comunità, a costruire,
passo, dopo passo, un progetto per e con la collettività.
Libera ha scelto Locri, la città di Zaleuco, primo legislatore, il primo uomo che nel ricoprire una
carica pubblica, ha colto l’importanza dell’onestà, del rispetto delle regole e dell’ordine sociale.
Una terra dai contorni incerti, la terra di chi ha lottato, di chi si è opposto al sistema mafioso.
Libera ha scelto: la Locride che è stata da Lei ribattezzata come “luogo di speranza”, luogo
dell’impegno nel contrastare con le armi della cultura e della legalità, le silenziose violenze criminali, tentando l’impossibile per realizzare un cambiamento concreto.
La nostra città, l’intera Locride e tutta la Calabria sono pronte a ricordare tutti coloro che hanno
perso la vita, lasciando un vuoto enorme nel cuore delle loro famiglie, continuando però a vivere nel
sentimento di legalità che anima il nostro territorio.
Tutti i giovani dovrebbero farsi portatori dei valori di giustizia e li invito con forza ad impegnarsi per
realizzare questo tanto desiderato cambiamento.
Colgo l’occasione per ricordare che la rivoluzione avviene dal basso: rispettando le regole,
impegnandosi per il sociale, abbandonando ogni forma di bullismo ed atteggiamento mafioso.
I giovani sono l’unica occasione che ci rimane per ricostruire “il luogo della speranza”.
La mia stima nei Suoi confronti è tale che desidero pubblicamente ringraziarLa per il grande gesto
d’amore che ha avuto nei confronti di questa terra, scegliendo Locri e la sua gente per ricordare e percombattere una dura battaglia di legalità.
La mia profonda stima, e la stima di tutta la città, quella che vuole vivere ed agisce alla luce del
sole, per i’impegno di Libera contro le mafie e la grande attenzione che state rivolgendo alla Città di Locri mi spinge a proporre al Consiglio Comunale della Città il conferimento dell’onorificenza della cittadinanzaonoraria per Lei e l’Associazione Libera quale riconoscimento per il Suo grande impegno morale assunto nei confronti di questa terra e di questa città, alla quale dedico i miei sentimenti più profondi di dedizione e orgoglio.
Con Affetto, Stima ed Amicizia
Dalla Residenza Municipale, 17 febbraio 2017
Giovanni Calabrese