Sospensione campagna elettorale, anche Caruso e Sgarlato dicono si

Print Friendly

gianluca da corriere della locride

La mancata costituzione di parte civile nel processo per la morte di Gianluca Congiusta fu l’inizio della fine per l’amministrazione comunale di Alessandro Figliomeni.


Una scelta, quella dell’allora sindaco di Siderno, che divenne simbolo, per gli inquirenti, dell’infiltrazione della ‘ndrangheta nel tessuto politico della città,fattele dovute eccezioni. Ed oggi quel nome, Gianluca Congiusta, diventa la misura della distanza dalla criminalità organizzata a Siderno.

L’iniziativa parte da Pietro Fuda, candidato della coalzione di centrosinistra. Giovedì, l’aspirante sindaco ha diffuso una nota, proclamando l’interruzione della campagna elettorale per il 24 maggio,decimo anniversario dell’uccisione, per mano della ‘ndrangheta,del commerciante di Siderno. Fuda ha poi invitato anche gli altri candidati-Pieto Sgarlato e Giuseppe Caruso- nonchè le rispettive liste ad aderire “sia alla sospensione sia a ragionare insieme su un’iniziativa utile per ribadire il no deciso alla ‘ndrangheta ed a tutte le forme di mafia”.

All’indomani di quella richiesta la reazione da parte della coalizione di centrodestra e della lista “il Volo” è chiara: no ad ogni forma di criminalità organizzata e totale condivisione dell’iniziativa di Fuda. “non posso che aderire all’iniziativa-ha commentato Caruso-. Ricordare Gianluca è per me ancora oggi una ferita aperta”. Un’adesione da parte di tutta la sua lista che, specifica, “non è una semplice lista civica finalizzata alla tornata elettorale ma un vero e proprio movimento che proseguirà anche ad elezioi avvenute”.

E anche Pietro Sgarlato si è detto favorevole alla sospensione della campagna elettorale per il 24 maggio. ” aderisco alla proposta e confermo la presenza della mia coalizione alla manifestazione in ricordo di Gianluca”, ha commentato.
Insomma,l’anniversario della morte dell’imprenditore costituirà, finalmente, un momento di riflessione per la politica sidernese.

fonte: Il garantista