‘NDRANGHETA:DON CIOTTI,ROGO ULIVI NON FERMERA’AZZURRI CALCIO

Print Friendly

‘NDRANGHETA:DON CIOTTI,ROGO ULIVI NON FERMERA’AZZURRI CALCIO

(ANSA) – GIOIA TAURO (REGGIO CALABRIA), 22 GIU –

”Non so se l’incendio possa essere legato all’arrivo della Nazionale di calcio e comunque non lo posso escludere, ma se dovesse essere cosi’ posso dire che il direttore generale della Figc, non appena ha saputo dell’atto intimidatorio alla coop Valle del Marro, mi ha telefonato per esprimere solidarieta’ ma anche per accelerare l’arrivo della Nazionale di Cesare Prandelli nella Piana”.

 

 

A dirlo e’ stato il presidente di Libera, don Luigi Ciotti. Don Ciotti ha incontrato don Pino Demasi, referente dell’associazione nella Piana di Gioia Tauro e i giovani della coop che gestisce i beni confiscati alla ‘ndrangheta che hanno subito tre giorni fa l’ennesimo atto intimidatorio con l’incendio di centinaia di alberi di ulivo che erano stati confiscati ai Mammoliti di Castellace di Oppido Mamertina ed affidati alla coop di Libera. La Nazionale, secondo l’intenzione della Federazione, si rechera’ ad allenarsi su un campo di calcio a Rizziconi confiscato alla cosca Crea. ”Sono venuto – ha poi detto don Ciotti – non per esprimere solidarieta’ ai ragazzi della Valle del Marro ma per invitare tutti alla corresponsabilita’. Nella Piana e piu’ in generale in Calabria stanno crescendo i segni positivi di riscatto dalle mafie per cui il lavoro di questi giovani ovviamente da’ fastidio cosi’ come da’ fastidio l’azione di altre coop in Sicilia dove poche ore fa sono accaduti fatti molto gravi che sono all’esame della magistratura”. Don Ciotti sulla vicenda siciliana non ha voluto aggiungere altro per rispetto a chi sta conducendo le indagini. Subito dopo don Ciotti si e’ recato a visionare personalmente l’uliveto distrutto dall’incendio a Castellace di Oppido Mamertina. I terreni sono stati visitati anche dal senatore del Pd ed ex prefetto di Reggio Calabria Luigi De Sena e dal procuratore di Palmi Giuseppe Creazzo. Dopo il sopralluogo don Ciotti ha annunciato che si rechera’ al porto di Gioia dove incontrera’ i portuali che stanno manifestando per la tutela dello scalo portuale. (ANSA).