La lunga MARCIA della MEMORIA per strade e piazze antimafia

Print Friendly

Dal 14 al 25 luglio la 2° edizione, con tappe in tutt’Italia. L’anteprima a Roma, ospiti di “Io Leggo”

“Strade e piazze antimafia”torna la Lunga Marcia della Memoria

La campagna: intitoliamo le vie delle nostre città alle vittime

Il 15 blitz in contemporanea da nord a sud.

L’appello all’adesione

Di nuovo in cammino alla ricerca delle storie dimenticate. Torna “La Lunga Marcia della Memoria”, l’evento promosso dall’associazione daSud che unisce arte e cultura contro le mafie e per i diritti.

La seconda edizione del 2009 sarà dedicata alle “Strade e piazze antimafia”. Dal 14 al 25 luglio le tappe in Calabria, in Puglia e in tutta la penisola.

Apertura ufficiale il 14 a Reggio Calabria, ospiti della Festa del Lavoro della Cgil, con dibattiti, concerti, presentazioni di libri.

“Prosegue un percorso comune per lottare le mafie, costruire memoria – spiega Danilo Chirico, portavoce di daSud – ma anche recuperare la cultura meridionale”.

Il 15 luglio l’evento clou, con i blitz antimafia promossi in tutta la penisola.

Alle ore 12 in contemporanea in decine di città, vie e luoghi della vita urbana saranno simbolicamente intitolati alle vittime della criminalità organizzata. E la campagna “Strade e piazze antimafia” proseguirà in tutta Italia con iniziative e spettacoli di impegno civile (a Reggio Calabria è in calendario in serata una maratona teatrale con incursioni musicali), un modo per fare memoria con la cultura.“Un gesto semplice e alla portata di tutti – spiega Danilo Chirico – un’azione pacifica, collettiva e dirompente per riscrivere dal basso la toponomastica del nostro Paese, per completare tessera dopo tessera un nuovo mosaico della memoria. Per questo daSud rivolge un appello all’adesione ad associazioni, gruppi, comitati, artisti e semplici cittadini per spingere l’Italia a riappropriarsi della parte migliore di se stessa”.

Prima intitolazione lo scorso 3 luglio a Roma nel parco di Villa Gordiani. Una serata della fiera del libro Io Leggo è stata dedicata a daSud e alla Lunga Marcia della Memoria 2009. Un’occasione per presentare la manifestazione e dedicare una delle vie del parco a Giuseppe Valarioti, ucciso l’11 giugno del 1980 dalla ‘ndrangheta (in allegato il modello della targa per l’intitolazione, che sarà utilizzato anche il 15 luglio).Sarà ricordato anche l’impegno e il sacrifico della giornalista Ilaria Alpi, uccisa in Somalia il 20 marzo ‘94 insieme al cameraman Milan Hrovatin. Una vicenda che rimanda agli affari sporchi della ‘ndrangheta, alle navi cariche di rifiuti tossici affondate nelle acque calabresi. Il 15 luglio daSud e il Premio Ilaria Alpi intitoleranno un luogo simbolo di Reggio Calabria alla cronista romana. “Prosegue così la collaborazione tra le due associazioni – aggiunge Danilo Chirico – dopo l’ultima edizione del Premio che ha visto daSud in prima fila, finalista con il documentario “Colori d’agave”, dedicato alla prima edizione della manifestazione.

Anche quest’anno la Lunga Marcia seguirà il 22 luglio il cammino verso Pietra Cappa, in Aspromonte, per ricordare il sequestro e il sacrificio del fotografo di Bovalino Lollò Cartisano.

E il 25 la serata finale a Monte Sant’Angelo in Puglia, ospiti di Festambiente Sud, il raduno ambientalista più importante del Mezzogiorno organizzato da Legambiente.

Nel corso della serata contro le mafie gli artisti di daSud realizzeranno un graffito contro le cosche: ancora un nuovo linguaggio contro le mafie.

Per le adesioni, le proposte e le informazioni basta cliccare sul sito www.dasud.it, collegarsi su facebook (daSud Onlus) o scrivere all’indirizzo lungamarcia@dasud.it.

I partner dell’edizione 2009

Provincia di Reggio Calabria – assessorato alla Difesa della Legalità / Cgil di Reggio Calabria / Festambiente Sud – Legambiente / Stopndrangheta.it / Premio Ilaria Alpi / Red Tv / Round Robin editrice / MovImenti /Rivistaonline.com

L’edizione 2008

La prima edizione della Lunga Marcia della Memoria era finalizzata al restauro del murales antimafia di Gioiosa Ionica in Calabria (realizzato in memoria di Rocco Gatto e delle vittime innocenti della ‘ndrangheta nel 1978). Dal 16 al 27 luglio, la carovana di ha attraversato la provincia di Reggio Calabria – dopo avere promosso incontri ed eventi in tutta Italia –per recuperare dal basso nuove pagine di memorie dimenticate. Il 27 luglio 2008, in piazza Vittorio Veneto a Gioiosa, gli artisti Giovanni Rubino e Corrado Armocida – tornati sulle impalcature dopo trent’anni – hanno restituito alla città di Gioiosa e a tutto il Paese il Quarto Stato dell’anti-‘ndrangheta. La storia di Rocco Gatto, del restauro del murales e della carovana antimafia sono raccontate nel libro “Il sangue dei giusti” (Città del Sole edizioni), e nei documentari La lunga marcia della memoria prodotto da NessunoTv, Round Robin Editrice e daSud (in concorso al Premio Alpi), e Colori d’agave, co-prodotto da daSud, (finalista del Premio Alpi – Produzione). Tutti i materiali sull’edizione 2008 della Lunga Marcia della Memoria sono a disposizione sull’archivio multimediale Stopndrangheta.it

Chi è daSud

Ricostruire memoria, mettere in rete le competenze del Sud e per il Sud, ragionare attorno a un’originale identità meridionale. Sono queste le ambizioni di daSud, nata nel 2005 dalla volontà di un gruppo di donne e uomini che sono partiti dal Mezzogiorno, ma non intendono lasciarlo nelle mani di ‘ndrangheta, camorra, cosa nostra e sacra corona unita. E che, per questa ragione, mettono in piedi percorsi di comunicazione, arte, cultura, memoria, identità e ricercano, attorno a progetti concreti, alleanze possibili tra cittadini, intellettuali, artisti e buona politica. L’associazione daSud contribuisce e partecipa all’archivio multimediale Stopndrangheta.it, ha lanciato il progetto “e-migranti” (www.e-migranti.org) per raccontare la nuova e giovane emigrazione intellettuale Sud-Nord, contribuisce al progetto “Libeccio”, in collaborazione con Round Robin Editrice: una collana di fumetti dedicata alle vittime delle mafie. Il primo titolo “Per amore del mio popolo” narra la vicenda di don Peppe Diana. Il prete anticamorra è anche il protagonista della videoinchiesta andata in onda su Current Tv nella trasmissione Vanguard Italia e realizzata da daSud e Round Robin. Ad aprile 2009 nasce a Roma nel quartiere Pigneto (via Gentile da Mogliano 168/170) “Spazio daSud”: nuova sede nazionale dell’associazione e spazio per la sperimentazione dei linguaggi al servizio del Mezzogiorno, della Memoria, dell’Antimafia, dei Diritti.

Informazioni e contatti stamp

awww.dasud.it – info@dasud.it – lungamarcia@dasud.itsu facebook: daSud Onlus3478463931 – 3403974877 3346816384 – 3475554431www.stopndrangheta.it