Processo Congiusta salta per Costa il gratuito patrocinio

Print Friendly

Locrì Istanza del pm De Bernardo

Processo Congiusta "salta" per Costa il gratuito patrocinio?

Rocco Muscari  per Gazzetta del Sud 

LOCRI 2 ottobre 2008

 È ripreso ieri mattina davanti al­la Corte d'Assise di Locri il pro­cesso per l'omicidio di Gianluca Congiusta, il giovane imprendi­tore di Siderno ucciso nel 2005. La prima udienza dopo la pausa estiva si è aperta con la richiesta del pm Antonio De Bemardo della revoca del gratuito patro­cinio perTommaso Costa, impu­tato di omicidio e associazione a delinquere di stampo mafioso.

Il sostituto procuratore ha eviden­ziato che la legge 125/2008 su­pera il richiamo al beneficio del­la gratuita assistenza legale con riferimento solo al reddito per­cepito dall'imputato, aggiun­gendo che non possono usufrui­re del patrocinio i soggetti con­dannati in via definitiva per as­sociazione a delinquere di stam­po mafioso: «Come nella circo­stanza di Costa – ha sottolineato il pm – che risulta essere condan­nato per tale reato il 28 novem­bre 1997 dalla Corte d'appello di Reggio Calabria e nel 2003 dalla Corte d'assise di Bari». La corte (presieduta da Bruno Muscolo a latere Frabotta) si è riservata di decidere sull'istanza. . Il processo è proseguito conl'escussione del maresciallo Gia­como Mazzoleni, del nucleo in­vestigativo dei carabinieri di Soverato, che ha ripercorso il qua­dro investigativo che ha portato gli inquirenti fino a Tommaso Costa e Giuseppe Curciarello, quest'ultimo imputato solo per associazione mafiosa. Mazzole­ni si è soffermato su tutte le mis­sive da e per il carcere di Palmi, dove Costa era detenuto, conte­nenti rapporti con i familiari ed altri presunti sodali. Il teste, su richiesta del pm, ha tracciato gli aspetti associativi contenuti nel­le lettere ed i legami con antichi e nuovi alleati, in particolare ri­guardo all'impegno dall'esterno di trovare finanziamenti per so­stenere la detenzione di Costa ed altri detenuti vicini. In questo quadro di ricerca di denaro rien­trerebbe anche la richiesta estorsiva ai danni di Antonio Scarfò, futuro suocero di Con­giusta, per l'accusa la causa che ha portato all'eliminazione del giovane. Nella prossima udien­za, il 10 ottobre, il teste conti­nuerà l'esame dell'accusa su al­tri due aspetti dell'indagine, quelle riferite all'appoggio elet­torale a Luciano Racco nelle ele­zioni europee del 2004, e il rife­rimento al traffico di droga.