Gioiosa la imbavagliano per rapina Muore anziana donna

Print Friendly

Gioiosa: la imbavagli ano per rapina. Muore anziana donna

Lunedì 15 Settembre 2008 21:39

E' morta soffocata dopo essere stata imbavagliata dai ladri introdottisi nella sua abitazione, a Gioiosa Jonica. Luisa Zito aveva 90 anni ed ha pagato nel modo peggiore la sua decisione di vivere da sola malgrado l'eta' avanzata.

A trovare il corpo senza vita della donna e' stato un conoscente, che era andato a trovarla a casa e si e' insospettito dopo avere trovato la porta aperta. Sulla morte di Luisa Zito indagano adesso i carabinieri della Compagnia di Roccella Jonica, dipendenti dal Gruppo territoriale di Locri, che hanno concentrato le indagini negli ambienti della microcriminalita' della Locride.
Secondo la ricostruzione fatta dai militari, potrebbe essere stata la stessa anziana ad aprire la porta di casa ai suoi assassini. L'hanno ingannata, riuscendo con un pretesto ad introdursi in casa – sulla porta non sono stati trovati segni di scasso – e subito dopo l'hanno aggredita, legandola ed imbavagliandola sul letto.
Hanno poi messo a soqquadro la casa pensando che la donna nascondesse una somma di denaro. Non si sa se in effetti quei soldi li abbiano trovati. Fatto sta che hanno cercato a lungo nella casa, rovistando in cassetti ed armadi, e sono poi fuggiti a piedi, dileguandosi negli stretti vicoli del centro storico di Gioiosa Jonica.
Sul corpo di Luisa Zito, secondo quanto e' emerso da un primo esame esterno da parte del medico legale, non sono stati riscontrati segni di violenza. La Procura della Repubblica, per accertare la dinamica dei fatti, ha disposto l'autopsia. Ma la vera violenza Luisa Zito l'ha subita nel momento in cui e' stata legata ed imbavagliata. Troppo per una donna di 90 anni che gia' aveva problemi respiratori.
Gli investigatori non escludono che l'anziana sia morta quando i ladri erano ancora in casa. Oppure nel periodo di tempo eccessivamente lungo trascorso tra la rapina, che risale alla scorsa notte, ed il momento in cui e' arrivato a casa il suo conoscente, che non ha potuto fare altro che constatarne la morte. Luisa Zito non immaginava certo di potere diventare obiettivo di una rapina.
La donna, vedova da tempo, viveva a stento grazie ad una pensione sociale di poche centinaia di euro al mese. In piu' a Gioiosa Jonica tutti le volevano bene. Nel suo destino era pero' segnato l'incontro con persone senza scrupoli che ne hanno provocato una morte crudele. (ANSA).