Ndrangheta: omicidio a Rosarno, forse risposta ad agguato Pasquale Malvaso

Print Friendly

Ndrangheta: omicidio a Rosarno, forse risposta ad agguato Pasquale Malvaso

 

Lunedì 07 Luglio 2008 15:35

 

Rosarno (RC) –  Ennesimo omicidio di 'ndrangheta in provincia di Reggio Calabria. Palmiro Macrì, 62 anni, e' stato ucciso a colpi di kalashnikov questa mattina a Rosarno mentre era alla guida della sua Panda.

Secondo quanto e' emerso dai rilievi fatti dai carabinieri sul luogo dell'agguato, avvenuto nei pressi del negozio di idraulica di proprietà di uno dei figli della vittima, con il quale si trovava in compagnia Palmiro Macrì, l'assassino e' entrato in azione nel momento in cui Macri' ha avviato l'auto, dopo aver detto che si sarebbe recato a fare alcuni acquisti. Il figlio dell'uomo, sentendo la raffica di mitra, e' uscito dal negozio, ma per il padre, ogni tentativo è stato inutile. Dagli inquirenti si apprende che si rafforza l'ipotesi che l'assassinio di Macrì sia sa collegare al tentato omicidio, venerdì scorso, sempre a Rosarno, di Pasquale Malvaso,  attualmente ricoverato in condizioni gravi, dopo esser stato colpito al petto con 4 colpi di pistola, genero del boss della 'ndrangheta Carmelo Bellocco. In questo senso l'ipotesi che viene fatta dai carabinieri e' che Macrì possa essere rimasto vittima di una vendetta trasversale in relazione al possibile coinvolgimento di suoi familiari nel tentato omicidio di Malvaso.
g.f.