Pregiudicato ucciso nel catanzarese, per gli investigatori e’ faida

Print Friendly

Pregiudicato ucciso nel catanzarese, per gli investigatori e' faida.

Sarebbe collegato alla faida che e' in corso a Borgia per il controllo delle attivita' illecite l'omicidio di Salvatore Cossari, il pregiudicato ucciso stasera nel centro del catanzarese.La faida ha registrato negli ultimi tempi una recrudescenza con una serie di omicidi e agguati, l'ultimo dei quali risale al 23 maggio scorso, quando sono stati feriti Leonardo Catarisano e la figlia tredicenne.

 

In precedenza, nell'ambito della stessa vicenda, sono stati uccisi i fratelli Rosario e Giulio Cesare Passafaro. Il primo e' stato assassinato il 18 settembre del 2007 e il secondo il 17 aprile scorso.
  
Altri due omicidi sarebbero collegati, secondo gli investigatori, allo stesso movente. Sono quelli di Salvatore Pilo', presunto esponente di spicco della criminalita' della zona jonica catanzarese, ucciso nel parcheggio di un centro commerciale di Catanzaro il 28 maggio del 2004 e di Giuseppe Graziano, nipote di Pilo', assassinato anch'egli a Roccelletta di Borgia il 13 gennaio del 2006 mentre si trovava nell'autolavaggio di cui era titolare.