BERTINOTTI-NDRANGHETA-NO A LOGICA EMERGENZA

Print Friendly

'Ndrangheta, Bertinotti: "No a logica emergenza"

 "Bisogna uscire da questa logica dell'intervento urgente, dell'emergenza. In nome dell'emergenza, in realtà, non si compie la grande operazione politica necessaria per sconfiggere le organizzazioni malavitose, le mafie, le 'ndranghete, le camorre''.

Lo ha affermato Fausto Bertinotti parlando a Lamezia Terme con i giornalisti e commentando gli ultimi episodi delittuosi verificatisi in Calabria. "La risposta – ha proseguito – è quella che è stata annunciata a Bari, quella straordinaria manifestazione organizzata da Libera e che ha avuto un successo gigantesco. Ho visto, perché ho partecipato con loro, più di 100 mila persone che da Punta Perotti sono arrivate a Bari vecchia a sentire scandire i cognomi di tutti imorti per mafia, camorra e 'ndrangheta. Quella mobilitazione di coscienza civile chiede delle cose che poi sono quelle da fare. Quello che deve essere fatto e' chiaro: bisogna recidere ogni rapporto tra la politica e le organizzazioni criminose. Bisogna bonificare tutte le zone grigie, non basta solo recidere, bisogna combattere, contrastare".