Mancini interroga il Ministro

Print Friendly

Omicidio Congiusta, Mancini interroga il Ministro.

SIDERNO- Il consigliere regionale dello Sdi-Rnp Cosimo Cherubino, ha subito colto l’appello rivolto a mezzo stampa da Mario Congiusta, padre gi Gianluca assassinato da ignoti nel maggio 2005 e teso a sollecitare intervento dei Parlamentari Calabresi al fine di stimolare l’attività’ investigativa della Procura della Repubblica di Locri e dilla Direzione Investigativa Antimafia reggina in merito ai numerosi omicidi avvenuti nella Locride e rimasti sino ad oggi impuniti.

Martedì scorso, Cosimo Cherubino ha esposto i fatti al Deputato boselliano Giacomo Mancini.
Il quale si manifestava sin da subito disponibile a perorare la causa di Mario Congiusta.
Così, in breve il deputato radical socialista ha predisposto un’interrogazione parlamentare rivolta al Ministro degli Interni e della Giustizia al fine di conoscere la verità sul trasferimento del Giudice Creazzo e quello del Magistrato che ha condotto le indagini sull’omicidio Franco Fortugno ad altri incarichi; se e quando è previsto da parte del Ministero competente l’invio dei Magistrati Aggiunti presso la Procura di Locri  necessari al fine di coprire tutti i posti e gli incarichi vacanti; atteso che l’82% degli omicidi compiuti nella locride sono rimasti impuniti, quali sono le ragioni di tale risultato investigativo; ed infine quali sono le misure che il Ministro degli Interni intenda assumere per rendere più sicuro il territorio della Locride anche alla luce dei recenti fatti delittuosi e della sparizione di un operaio e di un piccolo imprenditore di Locri.

Bisogna dare atto, secondo Cherubino, che Mancini ha dimostrato nell’occasione grande sensibilità e disponibilità a farsi portavoce degli accorati appelli lanciati da Mario Congiusta.

Tratto da Quotidiano del 20/07/2006.