Delitti impuniti nella Locride – La Laganà pungola il governo

Print Friendly

La deputata della Margherita Mariagrazia Laganà Fortugno presenterà nei prossimi giorni un’interrogazione al ministro della Giustizia ed a quello dell’Interno in materia di sicurezza e di giustizia in Calabria e, in particolare, nella Locride. “In questo comprensorio – ha sostenuto la parlamentare – molte sono le famiglie in attesa di vedere assicurati alla giustizia gli assassini dei loro congiunti.

Bisogna fare in fretta, bisogna dare segnali concreti in direzione di tali gravi problematiche, che rischiano di provocare ulteriore sfiducia negli organi istituzionali ed uno scollamento irreversibile tra cittadini e Stato.

Mariagrazia Laganà recepisce in toto l’ultimo appello lanciato da Mario Congiusta, padre del giovane imprenditore di Siderno Gianluca, assassinato la sera del 24 maggio 2005, e garantisce il suo “totale impegno perchè venga ascoltato, da chi di dovere, il grido di giustizia che parte da chi non chiede vendetta ma reclama diritti sacrosanti”.

In particolare la deputata, anche in adesione ai contenuti dell’appello di Congiusta, intende conoscere dal governo ”quali e quante attività investigative sono rimaste in essere”, con riferimento agli omicidi, ancora irrisolti, commessi nella Locride negli ultimi anni.

 

Da calabria ora del 19/07/2006