‘Ndrangheta: parco eolico sequestrato, proprieta’ nascosta da intreccio societa’ estere

Print Friendly

‘Ndrangheta: parco eolico sequestrato, proprieta’ nascosta da intreccio societa’ estere

Catanzaro, 13 lug. – (Adnkronos) – Pensavano di nascondere la reale proprieta’ del parco eolico in un intreccio di societa’ di diritto italiano ed estero.

Gli investigatori del Gico di Catanzaro e dello Scico della Guardia di finanza hanno scandagliato tutto cio’ che stava attorno all’impianto di Isola Capo Rizzuto (Crotone) facendo una mappatura delle societa’ coinvolte tutte riconducibili, secondo gli investigatori, alla cosca di ‘ndrangheta che fa capo alla famiglia arena. Sono state tutte sequestrate su disposizione della Dda di Catanzaro, che ha anche disposto numerose perquisizioni ed emesso 31 avvisi di garanzia. Il provvedimento riguarda la societa’ Vent1 Capo Rizzuto srl che ha sede legale a Crotone ma le cui quote societarie sono riconducibili ad altre societa’ di diritto estero.

In particolare la Tiger Energy Project Gmbh (Germania) che detiene il 34%, la Seas srl (Repubblica di San Marino) che detiene il 30%, Nyhuis Beteilingungs Gmbh & CoKg (Germania) che ha il 10%, la Pommer & Schwarz Erneuerbareenergien Gesellschaft M. (Germania) che ha il 10% e la Eden Alfred Josef (Germania) che ha il 7 per cento. E’ stata sequestrata anche la societa’ Purena srl che ha sede a Isola Capo Rizzuto e le quote societarie cosi’ ripartite: 60% Econex Finance Ag (Svizzera), 28% Arena Nicola (classe 1964), 12% Megna Carmine.

Sigilli anche alla Veda snc di Ventura Fabiola & C riconducibile per l’80% a Fabiola Valeria Ventura e per il 20% a Giovanni Maiolo. L’autorita’ giudiziaria di San Marino, con la quale e’ stata avviata un’intensa collaborazione amministrativa con la Guardia di finanza, ha disposto il sequestro della Seas srl, coinvolta nelle operazioni legate alla realizzazione del parco eolico.