‘NDRANGHETA-MAXISEQUESTRO A ROMA

Print Friendly

‘Ndrangheta, maxisequestro a Roma

Blitz da 20 mln di euro contro clan Gallico. Sigilli anche a uno strorico caffè del centro

foto Ansa

09:05 – Maxi sequestro degli agenti della Direzione investigativa antimafia tra Roma, Ardea e Formello ai danni della ‘ndrina dei Gallico di Palmi (Reggio Calabria). Nel mirino degli agenti sono finiti immobili, società, attività commerciali per circa 20 milioni di euro. Nel blitz sono state sequestrate 18 società, tra cui anche “L’antico caffè Chigi”, nell’omonima piazza.

Tra le società sequestrate nell’ambito dell’operazione, anche la holding del gruppo ” Adonis” con varie sedi a Roma tra i Parioli e il quartiere Coppede’, che a fronte di modesti redditi dichiarati aveva effettuato, in base a quanto accertato dalle indagini, operazioni per molti milioni di euro. Sequestrati anche un megayacht, una villa alla periferia di Roma, a Formello di 29 stanze, un salone di bellezza e 90 rapporti bancari.

L’ingente sequestro è stato disposto dal Tribunale della Capitale su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia di Roma. Alla base del provvedimento di sequestro, gli accertamenti – disposti dalla Procura Distrettuale Antimafia ed eseguiti dalla D.I.A. – che hanno focalizzato sia i sofisticati sistemi finanziari mediante i quali veniva gestito l’ingente patrimonio, sia la sperequazione tra le entrate lecite e la disponibilità dei beni stessi.

In particolare, uno dei due personaggi colpito dal provvedimento ablativo, che non svolgeva alcuna attività lavorativa, anni addietro, mentre era in compagnia di Gallico Alfonso, capo dell’omonima ‘ndrina, era rimasto vittima di un agguato mafioso nel corso del quale il Gallico stesso era stato ucciso.