Santa Maria di Licodia: operazione “Cherubino”: i Carabinieri recuperano opere d’arte

Print Friendly

Santa Maria di Licodia:operazione “Cherubino”:i Carabinieri recuperano opere d’arte

Nell’ambito di attività volta alla salvaguardia dei beni culturali e ambientali, i Carabinieri della Stazione di Santa Maria di Licodia, coordinati dalla Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, Procuratore Aggiunto Carmelo Zuccaro e Sostituto Procuratore Alessandro La Rosa, hanno recuperato due manufatti scultorei in pietra lavica che riproducono delle figure grottesche – mascheroni – in stile tipicamente barocco risalenti al Seicento, delle dimensioni di 40×28 cm ciascuno, dal valore inestimabile, collocati su due fontane all’interno di una villa privata situata nell’hinterland etneo. Le indagini condotte dai Carabinieri hanno permesso di accertare che tali manufatti provenivano dalla “Monumentale Fontana del Cherubino” di Santa Maria di Licodia, eretta nel 1757, su una precedente fonte di epoca Aragonese, che rappresenta uno degli elementi più importanti e simbolici della città.

Negli ultimi decenni, due dei sette mascheroni erano stati trafugati ed al loro posto, nel 1994, a seguito di integrale restauro della Soprintendenza, erano state inserite due copie sostitutive. Nel corso delle attività investigative sono state individuate le due opere artistiche originali collocate su due fontane singole poste dinanzi ad un salone adibito all’organizzazione di feste e ricevimenti privati all’interno di una villa privata del luogo. Nei giorni scorsi, dunque, su provvedimento dell’Autorità Giudiziaria e coadiuvati dai colleghi del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Siracusa e da personale della Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Catania, i Carabinieri hanno recuperato i manufatti seicenteschi, che sono stati sottoposti a sequestro, in attesa di essere restituiti alla Città e dunque fare ritorno alla loro sede originaria. Sono tuttora in corso indagini per chiarire le responsabilità nella vicenda. Le ipotesi di reato vanno dal furto alla ricettazione ed al danneggiamento del patrimonio storico e artistico nazionale.