Parte il “Progetto Sicomoro” dal carcere di Opera

Print Friendly

Parte il “Progetto Sicomoro” dal Carcere di Opera

Parte dal Carcere di Opera alle porte di Milano, una delle case di reclusione più grande d’Italia, il “Progetto Sicomoro”. Da domani, 6 novembre, ogni sabato fino al 18 dicembre, sette volontari di Prison Fellowship Italia Onlus, precedentemente formati, svolgeranno la loro attività di promozione umana, di ascolto e di sostegno ai sette detenuti che parteciperanno al Progetto, alle loro famiglie e alle sette vittime.

Lo spirito di questa proposta è proprio quello della riumanizzazione delle storie personali, facendo incontrare e dialogare gli autori dei reati (offensori) e chi questi reati li ha subiti (offesi) per capire i motivi, le azioni e le reazioni degli uni e degli altri. Due, quindi, gli obiettivi: la giustizia restitutiva per chi ha subito il crimine e la riabilitazione morale e spirituale per chi l’ha commesso.

Al Progetto potranno partecipare i carcerati di tutte le religioni. Gli incontri si articoleranno in tappe che, partendo dai racconti biblici e da esempi concreti di vita, alla fine del percorso porteranno ad una nuova assunzione di responsabilità del danno provocato e subito e, dunque, all’esperienza del perdono e della riconciliazione umana.

Nei prossimi mesi, molti altri istituti carcerari dislocati su tutto il territorio nazionale apriranno le loro porte al “Progetto Sicomoro” e agli oltre cento volontari.

In ben 116 Paesi del mondo il “Progetto Sicomoro” ha già dato i suoi frutti attraverso la Prison Fellowship International, il più grande network cristiano impegnato nel mondo carcerario.

«Il primo “Progetto Sicomoro” – commenta Marcella Reni, presidente di Prison Fellowship Italia – sarà realizzato in una delle carceri italiane di massima sicurezza con la partecipazione di sette detenuti, selezionati dopo vari incontri, già condannati con pena definitiva e di particolare ‘spessore criminale’. Le sette vittime con cui si confronteranno hanno tutte vissuti di particolare sofferenza per aver subito uccisione di figli, fratelli, padri per mano di terrorismo, mafia o criminalità organizzata. Il percorso, della durata di otto settimane, si concluderà il 18 dicembre e sarà accompagnato dalla preghiera incessante di tanti: uomini e donne, gruppi e comunità parrocchiali. Ci attendiamo il frutto di una nuova Pentecoste di giustizia alla luce del Vangelo che annuncia la liberazione ininterrotta dal male e da ogni schiavitù, per ogni uomo sotto il cielo».