Desio, ‘ndrangheta ancora attiva

Print Friendly

Desio, ‘ndrangheta ancora attiva
In carcere la fidanzata del boss

Desio – Nuovi sviluppi dell’inchiesta anti ‘ndrangheta “Infinito” , dopo gli arresti della scorsa estate che hanno portato, tra l’altro, alla scoperta di “locali” anche in Brianza (Desio, Seregno, Limbiate, Solaro). Sono 21 le ordinanze di custodia cautelare in carcere effettuate in questi giorni dai carabinieri in tutta la Lombardia, su ordinanza del gip di Milano Andrea Ghinetti. Non risultano politici coinvolti.

Tra i destinatari, anche alcuni membri del locale di Desio, già in carcere dallo scorso mese di luglio: Domenico Pio, Candeloro Pio e Ignazio Marrone. In manette anche altri componenti, rimasti in libertà fino a ieri: nonostante gli arresti effettuati a luglio, continunavano imperterriti la loro attività, con estorsioni e minacce ai danni di imprenditori e commercianti.

In particolare, dalle indagini emerge il ruolo di Angelica Riggio, 29 anni, fidanzata di Domenico Pio, 64 anni, arrestata dai carabinieri della compagnia di Desio. Era lei a tenere la contablità del “locale” desiano. Dopo gli arresti di luglio, era tornata dalle vittime intimandole a continuare a pagare e a non dire nulla dei rapporti con gli affiliati finiti in carcere.

Secondo gli inquirenti, tutto il gruppo aveva a disposizione ogni tipo di arma, da pistole a mitra, fucili ed esplosivo. Gli investigatori, inoltre, non hanno più dubbi sull’episodio degli spari alla concessionaria Corbetta di Cesano Maderno, avvenuto il 19 dicembre 2009: i responsabili furono Candeloro Pio e Ignazio Marrone.
P.F.