Omicidio Rombolà, consiglio comunale a Soverato: ‘ci costituiremo parte civile’

Print Friendly

Omicidio Rombolà, consiglio comunale a Soverato: ‘ci costituiremo parte civile’

”Più sicurezza per Soverato’! E’ quanto chiede il sindaco Raffaele Mancini all’indomani dell’ultimo efferato episodio che ha macchiato di sangue le spiagge della perla dello Jonio. L’omicidio Rombolà ha riportato alla luce l’emergenza sicurezza, in verità mai sopita, nella cittadina che si è risvegliata in un clima di unanime sdegno, ma anche di preoccupazione per l’immediato futuro. Mercoledì scorso si è svolto un consiglio comunale straordinario e urgente, aperto al pubblico, in cui si sono affrontate le problematiche legate ai ripetuti episodi criminali e le possibili soluzioni da adottare per ripristinare uno stato di ordinaria amministrazione. I punti che il Comune di Soverato ha determinato come assolute priorità sono stati riassunti in un documento e letti al pubblico.

Si chiede alle autorità competenti che: venga immediatamente aumentato il contingente delle Forze dell’Ordine, in particolare di quello della Stazione dei Carabinieri di Soverato, ritenuta sotto organico; venga elevata a Compagnia la Tenenza della Guardia di Finanza, dato che i nuovi locali sono idonei ad ospitare la stessa; venga istituito un Commissariato di Pubblica Sicurezza nel Soveratese o implementata la dotazione organica della Polizia Stradale di servizio nella cittadina jonica; venga finanziato dal ministero degli Interni il progetto di videosorveglianza già presentato presso la Prefettura di Catanzaro.
Al consiglio comunale hanno portato il proprio contributo anche l’assessore regionale Domenico Tallini, il presidente della Provincia Wanda Ferro, l’on Doris Lo Moro e numerosi altri rappresentanti istituzionali e amministratori del comprensorio. Il pensiero va alla famiglia della vittima, cui si stringono solidali tutti quanti, ma anche al destino di Soverato che non può essere segnato da episodi di questo genere. Per affrontare la situazione serve dunque un programma di interventi coerente e deciso che veda l’intera classe politica, senza distinzioni di colori, unita nella battaglia contro la ‘ndrangheta. Il danno in termini di immagine e di potenzialità turistiche subito da Soverato rischia, in ogni caso, di affossare le speranze di una rinascita in tempi brevi. Per questo motivo il sindaco Mancini ha preannunciato che l’amministrazione comunale si costituirà parte civile nei processi che cercheranno di fare luce sull’origine degli episodi criminali.
fonte: catanzaro informa