Richiesta arresti Cosentino-Intervista a Saviano

Print Friendly

Intervista allo scrittore: “Ha sempre avuto un ruolo attivo in quel territorio”
“Il suo partito si è accorto in ritardo dei suoi legami: com’è possibile?”

Saviano: “Verità che arriva in ritardo
tutti sapevano, ora si metta da parte”

ROMA – “Ho pensato subito “non mentivamo”. Tutto quello che abbiamo scritto in questi mesi viene confermato da questa richiesta della magistratura”. Roberto Saviano commenta così, in un’intervista a Radio Capital, la richiesta di arresto per Nicola Cosentino. “La cosa dolorosa è che Nicola Cosentino è stato per anni una colonna portante del centro destra in Campania e soltanto ora ci si accorge che aveva dei legami con il clan dei Casalesi. Come è possibile questo ritardo? Perché andava bene quando era solo sottosegretario e adesso che si è candidato alla presidenza della regione crea questo allarme?”.

Cosa vuol dire?
“Chi segue da tempo le cose di camorra, sa che Nicola Cosentino ha avuto sempre un ruolo attivo in quel territorio. Un suo fratello, infatti, è sposato con la sorella di Giuseppe Russo cioè Peppe il Padrino, esponente del clan dei Casalesi e della famiglia Schiavone”.

E se il Parlamento dovesse respingere questa richiesta della magistratura?
“Cosentino dovrebbe farsi da parte o comunque rinunciare all’immunità parlamentare, come ha promesso. Vediamo se la sua era una parola d’onore o una parola, come direbbe Leonardo Sciascia, da mezzo uomo”.

Proprio due giorni fa Cosentino ha detto: “Sto dalla parte di Saviano e di Don Peppe Diana, contro i clan”.
“Lo fa solo per la volontà di confondere le acque e soprattutto di evitare un conflitto che potrebbe danneggiarlo. Nicola Cosentino, non ha mai fatto antimafia, mai. Non è mai stato presente in prima linea nelle battaglie contro le organizzazioni criminali. Mi ha sempre colpito che Casal di Principe abbia tre parlamentari: una realtà di 20 mila persone riesce ad esprimere tre parlamentari. Nessuno dei tre ha mai portato avanti una battaglia contro le organizzazioni criminali. Che sia chiaro, se vieni da quella realtà, con un fortissimo clan presente sul territorio, in cui centinaia di persone sono state condannate per associazione mafiosa, è necessario che la politica risponda nell’immediato”.

(Niccolò Carratelli)