RAPPORTO SOS IMPRESA

Print Friendly

 

 

La criminalità è una holding con un utile che sfiora i 70 mld, il 6% del pil
La denuncia nel rapporto "Sos Impresa" pubblicato dalla Confesercenti

Usura e racket, ma anche forni e night
"Mafia spa" fattura 130 miliardi l'anno
 

ROMA – Che la prima impresa italiana fosse la criminalità organizzata lo si sapeva da tempo, ma ora il nuovo studio "Sos Impresa" pubblicato dalla Confesercenti mette a fuoco con precisione come il business del malaffare si è ramificato e consolidato nel corso degli anni. Quella che l'organizzazione di categoria dei commercianti chiama "Mafia spa" è una grande holding con un "fatturato" annuo complessivo di 130 miliardi di euro e un utile che sfiora i 70 miliardi, al netto degli investimenti e degli accantonamenti.


Il solo ramo commerciale della criminalità, che incide direttamente sul mondo dell'impresa, ha ampiamente superato i 92 miliardi di euro, una cifra intorno al 6% del Pil nazionale. Ogni giorno, denuncia ancora il rapporto, una massa enorme di denaro passa dalle tasche dei commercianti e degli imprenditori italiani a quelle dei mafiosi, qualcosa come 250 milioni di euro al giorno, 10 milioni l'ora, 160 mila euro al minuto. I settori più redditizi e in crescita sono l'usura, che colpisce circa 180 mila commercianti, la contraffazione, il gioco e le scommesse clandestine e l'abusivismo, il cui giro di affari è attorno ai 10 miliardi annui.

Ma le mafie si infiltrano anche in importanti segmenti di mercato apparentemente più impermeabili, dalla macellazione ai mercati ittici, dalla ristorazione ai forni abusivi e i panifici illegali, dal settore turistico ai locali notturni, fino al "racket del caro estinto", che colpisce il settore delle onoranze funebri.

A simbolo di questa illegalità diffusa il rapporto elegge il fenomeno dei 2.500 panifici illegali e forni abusivi (la maggiore parte dei quali concentrata in Campania) dove secondo la denuncia di Confesercenti il prezzo si aggira su 2,00/2,50 euro al chilo, a fronte di 1,80/2,00 euro di quello legale, eppure è il più venduto con file interminabili la domenica mattina.

Chi acquista queste pagnotte, mette in guardia l'organizzazione, non solo le paga più del prezzo corrente, ma corre anche seri rischi per la salute. "Nei forni abusivi infatti – si legge nel rapporto – viene bruciato di tutto: dal legno laccato agli scarti di falegnameria, infissi, mobili e, in alcuni casi, il legno delle bare, dopo la riesumazione dei cadaveri. E se questi sono i combustibili, figuriamoci le farine usate".


Ancora più allarmante è poi la denuncia contenuta in "Sos Impresa" sull'estensione dell'area della "collusione partecipata", che investe il gotha della grande impresa italiana, focalizzando l'attenzione sui possibili intrecci tra mafia e segmenti della grande distribuzione. "Vogliamo evidenziare – si legge nel rapporto – il diffondersi, tra alcuni imprenditori, di una doppia morale, per la quale ci si mostra ligi alle regole dello Stato e del mercato quando si opera al centro-nord Italia, e con molto disinvoltura ci si adegua alle regole mafiose se si hanno interessi nel sud Italia".

"Un comportamento censurabile – sottolinea ancora il documento della Confesercenti – che rappresenta un riconoscimento della sovranità territoriale alle organizzazioni mafiose, a danno dei principi di leale concorrenza e di libertà di impresa".

LEGGI IL RAPPORTO COMPLETO