INTERROGAZIONI DI ANGELA MAPOLI AL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA E DELL’INTERNO

Print Friendly

INTERROGAZIONI DI ANGELA NAPOLI AL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

 

venerdì 6 giugno 2008

Richiesta al Ministero Della giustizia per le numerose revoche del regime del 41 bis

Al ministro della Giustizia-  

Per sapere – Premesso che:

– con atto ispettivo n. 2-00006 del 14 maggio 2008 l’interrogante ha provveduto a denunziare l’avvenuta revoca del regime del 41 bis al boss Franco Perna, capo storico della criminalità organizzata cosentina e condannato all’ergastolo in via definitiva per omicidio ed a Gianfranco Ruà, uomo di vetrice dell’omonimo clan Perna – Ruà ;

– i due Perna e Ruà risultano imputati nel processo “Missing” , in fase di svolgimento presso il Tribunale di Cosenza;

– nei giorni scorsi si è appreso della revoca del 41 bis anche per Giancarlo Anselmo e Giulio Castiglia , anche loro imputati nel processo “Missing” :

– se non ritenga necessario ed urgente fare effettuare un attento monitoraggio sull’effettiva applicazione del regime del 41 bis e sulle revoche di tale regime applicate a noti boss della ‘ndrangheta proprio nel mentre sono in fase di svolgimento importanti processi che li vedono accusati di mafia.

On. Angela NAPOLI

Roma 4 giugno 2008 

 

venerdì 6 giugno 2008

RICHIESTA AI MINISTRI DELLA GIUSTIZIA E DELL’INTERNO PER MONITORARE L’UTILIZZO DEL “ patteggiamento in appello” DA PARTE DEI BOSS Ai ministri della Giustizia e dell’Interno –  Per sapere – premesso che:

– con atto ispettivo n. 4 – 00151 del 21 maggio 2008 l’interrogante ha segnalato la necessità di rivisitare la norma relativa al cosiddetto “patteggiamento in appello”, alla luce dello “sconsiderato” uso della stessa norma da parte di noti boss mafiosi;

– in particolare, con il citato atto ispettivo, l’interrogante faceva riferimento all’avvenuta decretazione di assegnazione degli arresti domiciliari a Pantaleone Mancuso, uno dei principali capi del clan di Limbadi (V.V.), proprio nel mentre è in atto, presso il Tribunale di Catanzaro il processo di appello “ Dinasty – Affari di famiglia” , che lo vede tra i principali imputati;

– voci ricorrenti riportano la notizia che il citato boss Pantaleone Mancuso si sarebbe reso latitante:

– se agli atti del Ministero dell’Interno risulta veritiera la notizia della latitanza del boss Pantaleone Mancuso;

– quali urgenti iniziative di carattere normativo intendano assumere al fine di rendere decisamente efficace il contrasto alla criminalità organizzata.

On. Angela NAPOLI

Roma 4 giugno 2008Angela Napoli