Il Presidente Loiero ed il Prefetto di Reggio Francesco Musolino sottoscrivano la convenzione sulla

Print Friendly

"La Regione intende investire in sicurezza e proporsi come soggetto aperto e dialogante in un progetto che punta dritto a rafforzare la legalità".   Con questo spirito il Presidente della Regione Agazio Loiero, nella sede del Consiglio Regionale ha sottoscritto questa mattina la convenzione con il prefetto di Reggio Calabria Francesco Musolino, attraverso cui la Regione si impegna a finanziare il Progetto "Incrementare l'efficienza e l'interoperabilità tra la conferenza regionale delle Autorità di Pubblica Sicurezza e la Consulta Regionale Antimafia, nell'ambito della strategia di riaffermazione e sviluppo della legalità in Calabria". Il progetto, per un importo pari a un milione di euro, prevede due linee operative da svilupparsi in due fasi temporali finalizzate da un lato a creare un punto di incontro tra i cittadini e gli uffici delle cinque province della Regione per una migliore interazione con le Istituzioni e il miglioramento progressivo della qualità dei servizi. Dall'altro a potenziare le sinergie tra gli uffici delle Prefetture, gli Enti Locali, le Pubbliche amministrazioni periferiche e la Consulta Regionale Antimafia, con particolare riferimento ai settori delle forniture pubbliche, ambiente, utilizzo dei fondi comunitari, nazionali e regionali e attuazione della normativa sulle confische dei beni.
"La nostra regione – ha aggiunto Loiero – ha bisogno di azioni forti, drastiche, ma anche di cose concrete, segni tangibili di una presenza indispensabile dello Stato per questa comunità, come la convenzione che abbiamo sottoscritto oggi. Credo, che in questi due anni e mezzo – ha aggiunto Loiero – abbiamo dimostrato abbastanza chiaramente che si possono "fissare dei paletti", dire in maniera corretta da che parte si sta. Non solo lo abbiamo detto ma lo abbiamo anche fatto. È questo ha una valore didascalico in una terra come la nostra, serve alla gente che ha bisogno di sentirsi affiancata nel contrastare la criminalità, quando tenta di reprimere le aspirazioni di riscatto della nostra regione, colpendo soprattutto il mondo dell'impresa e più in generale quello del lavoro.
Continueremo nell'azione intrapresa – ha concluso Loiero – per rafforzare la fiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni, prerequisito nel ripristino della legalità in Calabria". Loiero ha, poi, sottolineato che per il rafforzamento e la migliore funzionalità delle prefetture calabresi sono stati assegnati un milione di euro e, più precisamente, duecentomila euro ciascuno, alle Prefetture di Catanzaro e Crotone, duecentosettemila a quella di Cosenza, duecentounomila a Reggio Calabria e centoventunomila alla Prefettura di Reggio Calabria e settantamila euro per l'interoperabilità tra la conferenza regionale delle autorità di P.S. e la consulta antimafia.