Gratteri torna alla DDA di Reggio

Print Friendly
Gratteri torna alla DDA di Reggio 
Nicola Gratteri, 49 anni, magistrato della Procura della Repubblica di Reggio , e’ rientrato ufficialmente alla Distrettuale antimafia.

Lo ha deciso con proprio provvedimento lo scorso 18 ottobre il Procuratore capo facente funzioni Francesco Scuderi. Gratteri, in magistratura dal 1986, ha prestato servizio, dal 1987 al 1991 presso il Tribunale di Locri, con funzioni di giudice Istruttore Civile, giudice della Sezione Specializzata Agraria, giudice della Sezione Lavoro, pretore applicato a Bianco, Brancaleone, Siderno. Tra le numerose inchieste coordinate dal sostituto procuratore Nicola Gratteri, si ricordano l’operazione ’’Primavera’’, a carico delle cosche Cordi’-Cataldo, di Locri; ’’Armonia’’, che delineo’ la divisione per mandamenti delle zona di influenza (ionico, tirrenico e di Reggio ), la cattura del superboss, Giuseppe Morabito ’’u tiradrittu’’, l’omicidio dell’imprenditore edile Giovanni Galluccio assassinato a seguito di una riunione di ndrangheta a Ferruzzano, numerose inchieste sul traffico internazionale di sostanze stupefacenti e, ultima, in ordine di tempo, quella sulla strage di Duisburg, compiuta il 15 agosto scorso, quando furono uccise sei persone di San Luca ritenute appartenenti al clan Vottari-Pelle-Romeo, in contrasto con i Nirta-Strangio. Nicola Gratteri e’ coautore con il giornalista Antonio Nicaso di un libro di successo, ’’Fratelli di sangue’’, in cui sono raccontate le origini e le ritualita’ della ndrangheta calabrese.(ANSA).