Siderno: tentato omicidio

Print Friendly

Siderno: tentato omicidio
Sparati contro un uomo diversi colpi di fucile

Tentato omicidio, stamane, a Siderno. A colpi di fucile caricato a pallettoni e’ stato ferito Vincenzo Salerno, gia’ noto alle Forze dell’Ordine per la sua appartenenza ad una famiglia considerata emergente negli ambienti della criminalita’ organizzata.

L’uomo stava percorrendo a bordo di un’auto, un’Opel Corsa, una stradina di contrada Donisi, zona in cui abita la sua famiglia, quando e’ stato affiancato dagli attentatori che hanno esploso contro di lui alcuni colpi di fucile. Prontamente soccorso, Vincenzo Salerno e’ stato trasportato all’ospedale di Locri. Il ferito e’ fratello di Salvatore e di Agostino Salerno, uccisi, rispettivamente, il 22 ottobre ed il 30 novembre dello scorso anno. Salvatore, 38 anni, sorvegliato speciale, la mattina di domenica 22 ottobre 2006 stava rientrando a casa in sella al suo cavallo quando in contrada " Lenzi" – a qualche chilometro dalla contrada "Donisi" – venne sorpreso dai killers che esplosero contro di lui diversi colpi di fucile caricato a pallettoni. Durante i funerali alcuni amici della vittima fecero esplodere dei fuochi d’artificio. Qualche mese dopo, nel pomeriggio del 30 novembre, venne ucciso un altro fratello, Agostino Salerno, 30 anni. La vittima venne sorpresa a pochi metri dalla sua abitazione, in contrada "donisi". In quell’occasione i sicari utilizzarono una pistola. Secondo gli inquirenti i Salerno appartenevano, in passato, alla presunta cosca dei Commisso, ritenuta dominante nel comprensorio sidernese. Avrebbero poi deciso di abbandonarla per dare vita ad una nuova struttura criminale. (AGI)(02.08.2007) da la riviera