l’ospedale non si tocca

Print Friendly
Ospedale. incontro con Loiero e la Lo Moro
 di Aristide Bava tratto da Promomedia
Una folta delegazione di amministratori e componenti del Comitato “ Pro ospedale” si e’ incontrata a Catanzaro con il presidente della giunta regionale Agazio Loiero e con l’assessore alla sanita’ Doris Lo Moro.


Una folta delegazione di amministratori e componenti del Comitato “ Pro ospedale” si e’ incontrata a Catanzaro con il presidente della giunta regionale Agazio Loiero e con l’assessore alla sanita’ Doris Lo Moro. Presenti all’incontro anche i consiglieri regionali Cosimo Cherubino e Luciano Racco , entrambi di Siderno, intenzionati a supportare le molteplici istanze che ormai si sono aperte a favore del nosocomio della citta’, troppo importante e necessario per essere cancellato da un Piano sanitario che presenta ancora molti punti interrogativi. E, nella sostanza, dalla riunione, che e’ stata , comunque, abbastanza interlocutoria, e’ emersa la necessita’ che sul Piano si discuta piu’ compiutamente ( lo si fara’ probabilmente nel corso di una riunione che avra’ luogo giovedi nella Locride…) prima che vengano adottate decisioni definitive. Questo, intanto, ha consentito come effetto immediate che il previsto trasferimento della Chirurgia ( fissato per lunedi ) da Siderno a Locri sia temporaneamente sospeso. La “ consegna” e’ di approfondire la problematica nel consiglio comunale rinviato a domani sera proprio in considerazione dell’incontro che si e’ tenuto oggi a Catanzaro. Lo stesso Antonio Macri’, presidente del consiglio comunale , che ha guidato la delegazione sidernese a Catanzaro si e’ limitato a dire che “ C’ e’ stata qualche apertura ma e’ ancora prematuro dire che la situazione si e’ sbloccata. Il nostro obiettivo rimane la continuazione operativa dell’ Ospedale di Siderno. In consiglio comunale – ha detto Macri’ – approfondiremo la situazione e poi discuteremo tutto al momento in cui si decidera’ veramente la sorte dell’ Ospedale rispetto al piano sanitario definitivo che, certamente, dovra’ essere rivisto. L’impegno in questa direzione c’e’ stato ma quello che, poi, succedera’ veramente per il momento e’ difficile dirlo. Abbiamo chiarito che nessuno sta facendo battaglie di campanile ma che vogliamo, pero’, tutelare una struttura che funziona e, quindi, tutta l’utenza sanitaria del comprensorio”.
A Siderno, poi, in serata, si e’ dato vita alla manifestazione di protesta organizzata dal Comitao “Pro Ospedale”. I cittadini si sono dati appuntamento in piazza accolti dal presidente del comitato Francesco Gentile e dalla delegazione che si è incontrata a Catanzaro con Agazio Loiero dove e’ stata data comunicazione che l’atto di trasferimento del reparto chirurgia è sospeso fino a venerdì 13 e che per la prossima settimana è previsto un incontro tra le istituzioni locali e l’assessore regionale alla sanità. Gentile, ha precisato che per il momento ci sono soltanto promesse, ma è già un passo avanti perché si e’ preso atto, intanto, della volontà popolare di mantenere e migliorare una struttura di fondamentale importanza per tutto il circondario. “Una volonta’ di pubblica contrarietà a qualsivoglia ridimensionamento o dismissioni della struttura sanitaria – ha detto Gentile – che è utile per adeguare il mantenimento degli standard di cura per tutti gli abitanti della locride”. La manifestazione è stata, poi, occasione per ufficializzare la mobilitazione popolare. Le attività commerciali della città, in segno di protesta, hanno abbassato le serrande dalle ore 17 alle 18, mentre il corteo cui hanno partecipato uomini, donne bambini, intere famiglie, molti politici di tutta la locride, oltre alle associazione cittadine e del comprensorio, si e’ limitato alla partecipazione in piazza Vittorio Veneto proprio perché le notizie giunte da Catanzaro della momentanea sospensione del trasferimento del personale chirugico e’ servita, per il momento, ad evitare le eventuali “ azioni eclatanti” che erano state annunciate..