Sub-emendamento di Gallo (Udc) in materia di indennit

Print Friendly

  

 Sub-emendamento di Gallo (Udc) in    materia di indennità

“No all’adeguamento”

 

REGGIO CALABRIA. “Evitare l’adeguamento automatico dell’indennità dei consiglieri regionali favorendo l’assunzione di responsabilità del Consiglio regionale che deve espressamente, con delibera, approvare l’eventuale aumento e prevedere l’efficacia di eventuali aumenti solo ed esclusivamente a partire dalla consiliatura successiva a quella che li approva”.

 

 

Sono questi gli obiettivi del sub-emendamento all’art. 1 della legge regionale 3/96, in materia di indennità, presentato dal consigliere regionale dell’Udc Dionisio Gallo. Attualmente il testo in vigore si compone di un solo articolo e di un solo comma (lettere a, b, c, d, e), mentre il sub emendamento presentato Gallo è diretto all’inserimento di un secondo comma nel quale è aggiunto in corsivo che “eventuali aumenti delle suddette indennità, conseguenti a modifiche delle indennità dei parlamentari, acquistano efficacia dalla legislatura successiva e, comunque, previa delibera del Consiglio regionale”. “Il sub-emendamento – è spiegato in un comunicato di Gallo – è diretta conseguenza del confronto sviluppato all’interno della trasmissione “Spazio in Comune”, format radiotelevisivo trasmesso da Radio Cosenza Centrale e VideoCalabria, tra Dionisio Gallo e il giornalista Gian Antonio Stella sul recente aumento dell’indennità dei consiglieri regionali pari a 400 euro in più e corresponsione di seimila euro di arretrati”.