Minacce all’On. Giacomo Mancini

Print Friendly

 

 

 

 “Sono parole che mi gelano il sangue – così Giacomo Mancini dello SDI dopo aver ricevuto una lettera con su scritto "se parli ancora per te sono guai.
Conosciamo l'asilo di tuo figlio"

 

 

 e che seguono gli inviti più o meno amichevoli che da tempo mi vengono rivolti per non occuparmi più dell'emergenza legalità in Calabria. Un membro della Commissione- ha proseguito il capogruppo in Antimafia– è arrivato a dirsi preventivamente estraneo alle conseguenze di cui potrei essere vittima. Sto aspettando di incontrare l'onorevole Giuliano Amato per rimarcare al Ministro dell'Interno la drammaticità della situazione in Calabria, che il mio partito, attraverso l’azione coraggiosa di tutti i suoi parlamentari, sta denunziando. Ho parlato con mia moglie e con i dirigenti nazionali e regionali dello SDI – ha concluso il deputato socialista– ai quali ho ribadito la mia ferma intenzione di continuare, se possibile con ancora maggiore vigore, la giusta battaglia politica che stiamo conducendo”.