Siderno,arrestato per estorsione Domenico Audino

Print Friendly
 Brillante operazione di  intelligence  del commissariato della polizia di Siderno portata a termine dal dott.Romeo e dai suoi uomini

Un'ordinanza di custodia cautelare per estorsione aggravata è stata notificata nel carcere di Novara dove si trova detenuto, a Domenico Audino, 28 anni, una delle persone rinviate a giudizio per l' omicidio del vice presidente del Consiglio regionale della Calabria, Francesco Fortugno.

 L' uomo, secondo l' accusa, avrebbe chiesto una tangente di 30 mila euro a un commerciante di Locri. Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale di Locri su richiesta della Procura, al termine di indagini condotte dagli investigatori del Commissariato della polizia di Siderno diretta dal dott. Rocco Romeo. Verso la fine del 2005, ignoti avevano sparato alcuni colpi di pistola contro l' auto del commerciante al quale erano giunte anche minacce telefoniche e per lettera. Proprio sulla lettera, i tecnici del laboratorio di polizia scientifica avevano trovato un' impronta digitale che è risultata appartenere ad Audino. I particolari sono stati resi noti dagli investigatori e dal procuratore di Locri, Giuseppe Carbone. Per l' omicidio Fortugno, Audino è accusato di concorso. Secondo quanto ha riferito il collaboratore di giustizia Bruno Piccolo, l' uomo avrebbe guidato l' auto a bordo della quale il presunto killer di Fortugno, Salvatore Ritorto, è giunto sul luogo del delitto.
Il dott.Romeo,nel corso della conferenza stampa ha rivolto un invito ,a commercianti ed operatori, a collaborare con le forze dell'ordine.
Venerdì 9 marzo 2007