Siderno,il consiglio comunale premia Rocco Romeo

Print Friendly

Il vicequestore aggiunto ha avuto il riconoscimento alla presenza del Prefetto
De Sena

  
Consegna il premio Mario Congiusta

Quando si parla di criminalità e di sicurezza la città risponde. E così i consigli comunali, spesso disertati dai cittadini, diventano di nuovo luoghi di adunanze pubbliche. Non solo politici, infatti, ma tanta gente comune, dai rappresentanti delle associazioni, ai parenti delle vittime della mafia, ad esponenti del mondo religioso, erano  presenti ieri nella sala delle adunanze municipali per assistere ad un civico consesso straordinario che aveva come ospiti d’eccezione, oltre al  prefetto De Sena, il dirigente del Commissariato di Siderno, vicequestore aggiunto  Rocco Romeo, il comandante del reparto territoriale della Locride, Colonnello Iacono,  il Prefetto Bagnato, e i Commissari straordinari dell’Asl n.9, De Luca e Pierotti. L’incontro con De Sena, voluto da tutta l’assemblea dopo gli atti intimidatori che hanno colpito il centro radiologico Fischer , è stato anche l’occasione  per insignire di un doveroso riconoscimento il dirigente del  locale commissariato per le brillanti operazioni portate a termini negli ultimi tempi nella lotta alla criminalità organizzata, da ultima la cattura dei presunti assassini di Gianluca Congiusta. A conferire il riconoscimento al vice-questore Romeo è stato proprio il padre di Gianluca, Mario, che, visibilmente emozionato, ha espresso la volontà di consegnare personalmente la targa  ad un uomo che  «ha dimostrato di avere tanta pazienza, specie nei miei confronti- ha detto Congiusta- assicurando alla giustizia gli assassini di mio figlio». «Sono un po’ emozionato- ha detto Romeo nel ricevere il riconoscimento. Sono a Siderno da quasi due anni  e oggi ricevo questo premio in rappresentanza dei miei uomini, con cui condivido ogni giorno gioie e dolori. Io rappresento l’aspetto più visibile del loro duro lavoro ». Nell’occasione Romeo ha anche espresso soddisfazione per l’assegnazione al Commissariato dei nuovi locali (ex hotel dei Gelsomini) che, poco prima, lo stesso De Sena aveva voluto visitare. Il super prefetto poi, nel consegnare al sindaco Figliomeni una relazione, inviata anche al governo nazionale, che riassume un anno di duro lavoro in Calabria, ha illustrato, rispondendo alle domande dei consiglieri,  quanto già  fatto e quanto  in programma sul fronte legalità nel territorio di propria competenza.

Approvati  tutti i punti all’ordine del giorno.

Antonella Scabellone

da Calabria Ora