“Tracce di memoria”, il bando della Rete degli Archivi per non dimenticare

Print Friendly

per non dimenticare (2)

La Rete degli archivi per non dimenticare, con la collaborazione del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo e del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, propone alle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado del territorio nazionale il bando di concorso Tracce di memoria. Il concorso si propone di far conoscere e approfondire la storia recente del nostro paese soprattutto in relazione ai terrorismi, alle mafie e alla violenza politica.

 

Il bando completo è consultabile sul portale nella sezione concorsi (http://www.memoria.san.beniculturali.it/web/memoria/didattica/scheda-concorsi?p_p_id=56_INSTANCE_lo2P&articleId=169692&p_p_lifecycle=1&p_p_state=normal&groupId=11601&viewMode=normal).

Il bando Tracce di memoria propone agli studenti i seguenti percorsi:

a. rintracciare nel proprio territorio, luoghi dedicati alla memoria delle vittime dei terrorismi, della violenza politica e/o della criminalità organizzata (lapidi, intitolazioni di edifici, strade, ecc.) e analizzare come questi fatti siano stati ricordati;

b. ricostruire la biografia di una delle vittime, prediligendo la scelta di storie appartenenti al proprio ambito territoriale, in modo da analizzare anche il contesto economico, sociale e culturale in cui si sono svolti i fatti e valutare se e cosa da allora è cambiato;

c. proporre alle Istituzioni locali l’attuazione di un’iniziativa (una nuova intitolazione, l’organizzazione di un dibattito pubblico, ecc.) affinché la vittima adottata trovi un suo spazio nella memoria collettiva e il lavoro svolto dagli studenti abbia una ricaduta sul territorio.

d. fissare attraverso le immagini (foto, video, disegni ecc.) i luoghi e i contesti e presentarli attraverso un elaborato (video, album fotografico, collage ecc.).

La Fondazione Libera Informazione aderisce alla Rete degli archivi per non dimenticare

libera informazione