Estorsioni e appalti, la ‘ndrangheta si è infiltrata anche nei lavori per mettere in sicurezza una scuola

Print Friendly

Scattano gli arresti in provincia di Reggio Calabria per due delle cosche ritenute tra le più pericolose. Coinvolti elementi di spicco della criminalità di Siderno e Marina di Gioiosa Ionica

UpkPfA5XLjgQfYyi8sW4fMKvtfFxYvydNHIudVQs0OE=--

REGGIO CALABRIA – Ci sono anche nomi eccellenti tra gli arestati nell’ambito di un blitz contro le estorsioni ad alto livello e l’infiltrazione della ‘ndrangheta nell’aggiudicazione di appalti, anche per la messa in sicurezza di una scuola e la costruzione di una diga. Per associazione mafiosa internazionale sono finiti in manette alcuni esponenti di due delle ‘ndrine calabresi più pericolose, Commisso di Siderno e Aquino di Marina di Gioiosa Ionica.

COINVOLTI POLITICI E IMPRENDITORI – Gli uomini dello Sco e della squadra mobile di Reggio Calabria, guidati da Andrea Grassi e Gennaro Semeraro, hanno rilevato importanti infiltrazioni della ‘ndrangheta nell’economia legale della fascia ionica reggina. Arresti disposti anche per Antonio Macrì, ex presidente del Consiglio comunale di Siderno e per l’imprenditore edile Carlo Archinà, legato da vincoli di parentela alla famiglia Commisso. Coinvolti nell’operazione anche soggetti legati al clan Macrì di Siderno. In totale sono 29 le ordinanze di custodia cautelare emesse nei confronti di presunti boss e gregari.

LA TANGENTE DEL 3% – Dalle indagini è emerso che le ditte che si aggiudicavano appalti nella fascia ionica reggina tra Siderno e Marina di Gioiosa Ionica erano costrette a pagare una tangente del 3% sul valore dei lavori alla ‘ndrangheta. La tangente calava un pò di valore se le imprese che si aggiudicavano i lavori erano considerate «amiche» dagli uomini della ‘ndrangheta. L’operazione ha colpito anche alcune cosche minori collegate alle due principali e operanti ad Antonimina e Natile di Careri. Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa ed estorsione.

LE INDAGINI CONTRO LE INFILTRAZIONI – L’operazione, le cui indagini sono state condotte dal Servizio Centrale Operativo, dalla Squadra Mobile di Reggio Calabria e dal Commissariato di Siderno, si inserisce nel più ampio dispositivo d’intervento, denominato “Focus’ndrangheta”, teso a contrastare le proiezioni nazionali ed internazionali delle organizzazioni criminali calabresi ed è il proseguimento di un’altra operazione contro la ‘Ndrangheta che nel 2010 portò in carcere 300 persone tra Calabria e Lombardia.

L’indagine ha confermato la leadership di una delle più importanti organizzazioni del versante ionico-reggino, la cosca Commisso, capace di proiettare le sue attività criminali anche all’estero, specie in Canada, e ritenuta dedita al condizionamento degli appalti pubblici, con particolare riferimento al settore delle infrastrutture per i lavori di ammodernamento di arterie stradali, acquedotti, edifici scolastici dell’area, nonché alla gestione dei rifiuti solidi urbani e di natura pericolosa nel comprensorio di Siderno e della ionica.

martedì 09 settembre 2014 08:17

fonte: il Quotidiano.it