‘Ndrangheta: 18 fermi in Calabria e in Svizzera

Print Friendly

I Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura Distrettuale Antimafia nei confronti di 18 presunti affiliati alla ‘ndrangheta, di cui due catturati nella provincia di Reggio ed i restanti 16 localizzati dalla Polizia Federale elvetica e che saranno arrestati dopo l’espletamento delle procedure estradizionali.

frauenfeld-svizzera-operazione-helvetica

Gli indagati sono tutti ritenuti componenti dell’articolazione territoriale ‘ndranghetistica denominata Società di Frauenfeld (Svizzera) che dipenderebbe dalla “Locale di Fabrizia” di Vibo e accusati di associazione di tipo mafioso aggravata dal reato transnazionale in quanto commesso in Italia e Svizzera da un gruppo criminale organizzato impegnato in più di uno stato.

Le indagini, avviate nel gennaio del 2012, nonché la contemporanea fase esecutiva di queste ore, si sono avvalse anche del contributo investigativo dell’Ufficio Federale di Polizia della Confederazione Svizzera, in relazione alle attività svolte in territorio elvetico, per l’utilizzo delle quali, il 17 aprile 2013, è stato siglato a Milano, presso gli uffici del Comando Provinciale Carabinieri, un “accordo su indagini collegate tra il Ministero Pubblico della Confederazione Svizzera – Divisione Protezione dello Stato – Reati Speciali e Criminalità Organizzata e la Procura della Repubblica Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria”.

Nel corso delle indagini svolte dal comando reggino – e come già emerso nel corso dell’operazione il Crimine – sarebbe stata documentata la presenza di alcuni esponenti della ‘ndrangheta in Svizzera, in particolare nella città di Frauenfeld, dove esiste una cosiddetta “Locale”, il cui modello strutturale riproducerebbe esattamente quello calabrese. La ramificazione criminale, seppure dotata di una certa autonomia, in realtà sarebbe rigidamente dipendente dal “Crimine” della provincia di Reggio, a cui risponde.

IL RUOLO DI GIUSEPPE ANTONIO PRIMERANO

Le investigazioni, infatti, consentirebbero non solo di confermare l’esistenza e l’operatività – già dagli anni settanta – della “Locale” di Frauenfeld, ma anche di individuarne gli associati, i ruoli e le cariche e soprattutto di verificarne la dipendenza al “Crimine” calabrese, per il tramite di Giuseppe Antonio Primerano, attualmente detenuto in Italia, la cui figura era stata riconosciuta sia in Calabria, dove sarebbe stato “accreditato” presso il “Crimine” sia all’estero, in Germania e in Svizzera. Significativa della funzione baricentrica di Primerano sarebbero poi i contatti pregressi, già registrati durante l’indagine “Il Crimine” dalle quali emerse il ruolo apicale di Primerano e la sua influenza nella risoluzione delle controversie criminali, anche internazionali; proprio Primerano sarebbe stato il personaggio a cui Antonio Nesci doveva far riferimento per ottenere l’autorizzazione ad estendere il dominio territoriale oltre che in Svizzera anche in altre località tra cui Singen – comune tedesco del Baden-Wuttemberg. Primerano, nel luglio 2013 è stato condannato a tredici anni di reclusione poiché ritenuto colpevole di associazione di tipo mafioso proprio a seguito dell’operazione “Il Crimine” venendo valutate a suo carico innanzitutto la “posizione direttiva rivestita in seno all’organizzazione”, la sua frequentazione con Domenico Oppedisano (84 anni) con il quale si sarebbe intrattenuto durante il summit di Polsi, nonché il ruolo ricoperto in seno alla compagine di appartenenza che lo avrebbe reso appunto il diretto referente anche delle locali radicate in Germania.

LA LOCALE “ACCREDITATA” IN SVIZZERA DA 40 ANNI

L’analisi complessiva delle risultanze investigative avrebbero consentito per la prima volta in assoluto, di apprendere dettagli e caratteristiche del contesto criminale elvetico con riguardo alla struttura di ‘ndrangheta in quel territorio. Il dato essenziale appurato – sino ad ora inedito – riguarda la piena operatività da circa 40 anni dell’articolazione di ‘ndrangheta in Svizzera ed in particolare nella città di Frauenfeld (“… la nostra società è formata da 40 anni …”) con la piena e diretta rispondenza alla terra d’origine degli affiliati (“… Gli ho detto…gli ho detto che il “locale” è da 40 anni che “risponde” a Fabrizia …”).

Le intercettazioni effettuate con la collaborazione dell’Ufficio Federale di Polizia della Confederazione Svizzera hanno consentito non solo di confermare l’esistenza e l’operatività della “locale” di Frauenfeld ma anche di individuarne gli associati, di carpirne i ruoli e le cariche ma soprattutto di verificarne la dipendenza dalla “casa madre” calabrese. A Freuenfeld, secondo gli inquirenti, è insediata una comunità di calabresi, associati in una struttura ‘ndranghetista, rispondente al “Crimine”, per il tramite di Giuseppe Antonio Primerano, alla cui testa vi sarebbe Antonio Nesci, detto “cucchiarune” o “la montagna della Svizzera”.

IL MODELLO ‘NDRANGHETISTICO ESPORTATO ALL’ESTERO

Le investigazioni avrebbero contribuito a fornire una sostanziale conferma all’esportazione del modello ‘ndranghetistico in altre nazioni che infatti sarebbe stata “clonata” realizzando una struttura analoga a quella tradizionalmente calabrese, con evidenti stretti legami di dipendenza con l’organismo di vertice sempre in Calabria, pur conservando una certa autonomia, relativamente alle classiche forme di manifestazione mafiosa, al punto che una delle estrinsecazioni più tangibili dell’esistenza stessa di cellule associative, l’esistenza delle “locali” e delle “società” e il cursus honorum all’interno di queste, necessitavano del riconoscimento e del beneplacito degli organi direttivi centrali calabresi.

Si sarebbe scoperto quindi come l’organizzazione stanziata da decenni in Svizzera avesse riprodotto la consolidata gerarchia delle strutture ‘ndranghetistiche calabresi con riferimento dunque ai ruoli, cariche e gradi ed ai consueti incontri in “società con le stesse modalità, formule e rituali di quelli adottati dalle “locali” di ‘ndrangheta esistenti in Calabria. In merito alle “Società” sarebbe emerso peraltro come l’associazione fosse organizzata mediante una suddivisione “verticale” tra “maggiore” (di cui fanno parte gli esponenti più anziani e con pregressa militanza nelle cosche reggine) e la “minore” di cui fanno parte gli esponenti di più recente affiliazione.

I GIOVANI INCITATI AL TRAFFICO DI DROGA

Nel corso delle riunioni di ‘ndrangheta, proprio Antonio Nesci – secondo gli investigatori – avrebbe dettato ed impartito le disposizioni per la conduzione delle attività illecite tipiche del sodalizio criminale: incitando i più giovani – ai quali assicurava la sua disponibilità ed il proprio sostegno – ad occuparsi del traffico di droga (“…chi vuole lavorare può lavorare,…c’è il “lavoro” su tutto: estorsioni, coca, eroina, tutto c’è!…(inc)… 10 chili, 20 chili al giorno ve li porto…io!…Personalmente!…”). Ulteriori riferimenti alle attività delittuose sarebbero emersi nelle conversazioni intercettate, nelle quali i presenti parlavano di vari fatti inerenti l’associazione mafiosa, facendo riferimento ad altri “locali” di ‘ndrangheta, a ‘ndrine ed a regole mafiose, a contrasti con altri “locali”, alla dipendenza da Fabrizia (“…Il locale di Frauenfeld lo voglio che risponde a Fabrizia, perché Fabrizia è dove sono nato io…”), ad omicidi ed estorsioni la cui decisione era demandata a coloro i quali disponessero di cariche speciali (“…se dobbiamo parlare di omicidi, di estorsioni, di cose, ci riuniamo quei tre, quattro, cinque, come ho sempre detto, io non sono…io non mi tiro indietro…”) o ancora alla solidarietà nei confronti di Primerano, detenuto, ed alla raccolta di denaro per il sostentamento della sua famiglia (“…Allora, è successo adesso che ha avuto una disgrazia questo Ntoni Primerano, tutti quanti noi all’inizio se vi ricordate, ci siamo messi d’accordo per raccogliere la “colletta” per Ntoni Primerano, noi delle cariche speciali…).

L’attività investigativa avrebbe dunque consentito di rilevare, oltre agli elementi attinenti la consolidata presenza ed operatività ultradecennale in Svizzera dell’organizzazione criminale, personaggi con relativi gradi, doti e cariche ricoperte; nei dettagli, sarebbe emerso che Antonio Nesci, fosse in possesso della carica di “mastro disponente” della “società di Frauenfeld” che si è scoperto fosse dipendente dalla “casa madre” della “locale di Fabrizia” il cui capo locale era rappresentato da Giuseppe Antonio Primerano, a sua volta subordinato a Domenico Oppedisano e quindi al “Crimine” (“…(…)… più la Svizzera e lui voleva fare il capo mafia di qua, diciamo lui voleva dirigere…il direttore!….. voleva fare il direttore, però questo non è possibile, ma non glielo lasciavano nemmeno… là…Fabrizia, pure là, Fabrizia gliel’hanno negato, non solo il Crimine”), assumendo le decisioni più rilevanti, (“Il locale di Frauenfeld lo voglio che risponde a Fabrizia, perché Fabrizia è dove sono nato io” …(…)…. “ogni anno si deve rispondere al Crimine”) impartendo le disposizioni o comminando sanzioni agli altri associati a lui subordinati, decidendo e partecipando ai riti di affiliazione curando rapporti con le altre articolazioni dell’associazione, dirimendo contrasti interni ed esterni alla locale di appartenenza. In particolare si sarebbe occupato del coordinamento della locale di Frauenfeld e dei contatti con gli esponenti di spicco della “Provincia”, come Giuseppe Antonio Primerano ed esponenti della cosca Mazzaferro (“poi siamo andati in quell’altro “coso” e dissero tutti quanti : “ Che no, non siete in regola!” Che all’epoca eravamo sulla linea dei “Mazzaferro” …(…)…“ Dice che sono andati lì sotto dai Mazzaferro”…(…)… “ma loro gli hanno detto no, che voi siete venuti qua, avete perso il viaggio… se non c’è Totò qua per…” ”E la marina, gli ha detto no, gli ha detto se qua non viene Primerano”);

L’operazione è stata avviata nella notte scorsa quando si è avuta conferma della presenza sul territorio calabrese di Antonio Nesci in compagnia di Raffaele Albanese (60 anni) anch’egli raggiunto dallo stesso provvedimento con l’accusa di fare parte della società di Frauenfeld.