Clini, a Roma nuova indagine per corruzione. A Ferrara il Gip accusa: 1 mln sottratto a fondi del governo

Print Friendly

clini-corrado-space24-258x258-kfgE--258x258@IlSole24Ore-Web

di Ivan Cimmarusti27 maggio 2014 di Ivan Cimmarusti – Il Sole 24 Ore

L’ex ministro dell’Ambiente del governo Monti, Corrado Clini e gli altri indagati «hanno messo in atto un complesso e sofisticato meccanismo, preordinato all’appropriazione di denaro pubblico, conseguendo ingenti profitti». E’ quanto emerge dalla lettura dell’ordinanza con cui il Gip di Ferrara Piera Tassoni ha disposto ieri gli arresti domiciliari per Clini e altri indagati, al centro dell’inchiesta per peculato sui finanziamenti stanziati dallo Stato italiano per la realizzazione del progetto New Eden, che si affianca ad un’altra della Procura di Roma per associazione a delinquere e corruzione.

«Il pericolo di reiterazione del reato – sottolinea il Gip di Ferrara – s’individua nella già reiterata condotta criminosa protrattasi nel tempo e “naturalmente” tesa alla ripetizione». A seguire, il riferimento alla sottrazione di denaro pubblico addebitato a Clini: «Può affermarsi, con elevato grado di gravità indiziaria che le somme di denaro confluite sui conti di Corrado Clini (1.020.000) e di Augusto Pretner (2.030.000) derivano dai finanziamenti stanziati dallo Stato italiano per la realizzazione del progetto New Eden». Otto bonifici, prosegue l’ordinanza, «sorretti da un castello di fatture false» che «si risolvevano in dazioni di denaro prive di reale causa lecita al solo fine di consentire il trasferimento sul conto svizzero presso Ubs Lugano Bank del denaro proveniente dai fondi erogati dallo Stato italiano».

L’indagine è per associazione a delinquere e corruzione, aggravata dalla transnazionalità. Una nuova inchiesta, questa volta della Procura della Repubblica di Roma, si abbatte sull’ex ministro e attuale direttore generale del ministero dell’Ambiente, Corrado Clini. Con l’ex esponente dell’allora Governo di Mario Monti, sono indagate altre cinque persone, tra le quali la compagna Marina Hauser. L’inchiesta è simile a quella nata alla Procura di Ferrara e che ha portato Clini agli arresti domiciliari con l’accusa di peculato, per essersi appropriato – stando alla ricostruzione accusatoria – di 3,4 milioni di euro facenti parte degli stanziamenti da 54 milioni destinati al progetto New Eden per il risanamento ambientale dell’Iraq. A Roma, invece, il fascicolo si annuncia esplosivo. Perché il procuratore capo Giuseppe Pignatone e il sostituto Alberto Galanti stanno scavando in un supposto sistema illecito che avrebbe consentito lo sperpero di circa 214 milioni di euro del ministero. Soldi che sarebbero stati dati a pioggia per commesse attribuite a società italiane in Cina e Montenegro.

Fonti investigative rivelano che allo stato si sta cercando di ricostruire il flusso di denari pubblici fuoriusciti senza specifiche ragioni. L’ipotesi, tutta da verificare, è che questi soldi una volta dirottati all’estero sarebbero rientrati per poi finire su conti correnti bancari in Svizzera riconducibili, tra gli altri, anche all’ex ministro Clini. L’inchiesta è stata aperta ad agosto scorso, in concomitanza con quella della Procura di Ferrara, e presto potrebbe riservare nuove sorprese. Perché i magistrati ritengono che la presunta organizzazione sia riuscita a mettere su un “sistema” ben congegnato e organizzato per consentire un’uscita regolare dei soldi pubblici (attraverso un presunto giro di false fatturazioni) per poi farli rientrare. Ieri, infatti, gli investigatori della Guardia di finanza hanno passato al setaccio l’abitazione e l’ufficio ministeriale di Clini, portando via una serie di incartamenti che – stando a quanto trapelato – potrebbero chiarire i contorni del coinvolgimento dell’ex ministro. Inoltre, tengono a precisare fonti investigative, l’indagine ha subito uno sprint anche grazie al contributo dato dall’attuale ministro dell’Ambiente, Gianluca Galletti, e dal suo staff ministeriale.