‘Ndrangheta-Operazione “Circolo Formato”-Arrestato Sindaco Marina di Gioiosa e tre assessori

Print Friendly

‘Ndrangheta. Operazione “Circolo Formato”, 40 arresti fra cui un poliziotto

‘NDRANGHETA: ANCHE UN POLIZIOTTO FRA I 40 ARRESTATI


Reggio Calabria, 3 maggio 2011 – C’e’ anche un agente di polizia fra le persone arrestate nell’ambito dell’operazione per l’esecuzione di 40 ordinanze di custodia cautelare in carcere scattata stamani a carico di presunti esponenti della cosca Mazzaferro di Marina di Gioiosa Ionica (Rc). I provvedimenti del gip, richiesti dalla DDA di Reggio Calabria, sono stati eseguiti dalla squadra mobile della questura reggina, dal commissariato di Siderno e dallo Sco.

 

‘NDRANGHETA: SINDACO ARRESTATO ESPRESSIONE DI CENTRODESTRA – Rocco Femia, il sindaco di Marina di Gioiosa Ionica arrestato stamani per associazione mafiosa, e’ stato eletto il 13 aprile del 2008 ed e’ stato nominato sindaco il 15 aprile successivo. Femia guida una amministrazione espressione di una lista civica riconducibile al centrodestra. Nel 2009, uno stabilimento balneare di proprieta’ del cognato di Femia fu dato alle fiamme.

‘NDRANGHETA: PROCURATORE GRASSO, NECESSARIO RICONOSCIMENTO REATO VOTO DI SCAMBIO BASATO SULLE PROMESSE ELETTORALI E LE ADESIONI TRA MAFIOSI E CANDIDATI
– ”Potremmo avere maggiori risultati se nel nostro ordinamento ci fosse il reato di voto di scambio fatto di promesse e adesioni tra mafiosi e candidati”. Lo ha affermato il procuratore nazionale antimafia, Piero Grasso, commentando in conferenza stampa gli arresti del sindaco e degli assessori a Marina di Gioiosa Jonica. E’ in discussione in commissione parlamentare, ha spiegato, una proposta di legge che dovrebbe migliorare la normativa. Al momento lo scambio di voti e’ riconosciuto solo se c’e’ passaggio di denaro ma non vale per la sola promessa elettorale. ”Laddove ci sono questi contatti ma non c’e’ la possibilita’ di provare l’appartenenza all’associazione -ha sostenuto- in questi casi non abbiamo uno strumento giuridico per colpire questi collegamenti e le collusioni”.