Gianluca,un atroce delitto che adesso attende giustizia

Print Friendly
Gianluca, un atroce delitto che adesso attende giustizia
Gianluca Congiusta fu assassinato a Siderno il 24 maggio del 2005.
Fu un delitto atroce, consumato con un solo colpo di fucile calibro 12 alla testa.Il P.M. Antonio De Bernardo,ai giudici della Corte d’assise di Locri,ha chiesto la condanna all’ergastolo di Tommaso Costa,capo dell’omonima ‘ndrina uscita decimata dalla faida con i commisso,e,nel medesimo processo,a ventisei anni per Giuseppe Curciarello.

Lo stesso publico ministero che ha decapitato i casati mafiosi più potenti della locride descrive la vittima come un “giovane imprenditore,capace, pulito e benvoluto”.
pagò con la vita un errore,quello di calpestare i piedi ad un capomafia che avrebbe voluto riprendere il controllo del territorio,mettendosi in mezzo alla richiesta estorsiva che lo stesso costa inviò,a mezzo lettera,al suocero.
Il volto di Gianluca, spensierato e sorridente,sotto quei riccioli scuri e lucenti,in questi anni è diventato un simbolo,simbolo di quelle vittime innocenti cadute in un’epoca in cui la ‘ndrangehta spara di meno,ma spara comunque,senza farsi scrupoli di chi possa cadere sotto al fuoco incrociato esploso per decretare il riassetto degli equilibri.E Gianluca,in quel contesto,con la sua ardita sfida al padrino,era una minaccia,
E’ divenuto un simbolo soprattutto grazie a suo padre,Mario,un uomo minuto e coraggioso,che continua a contare i giorni che lo separano dalla giustizia.La verità, sul suo ragazzo, lui l’aveva trovata da un pezzo,ma non c’è verità che tenga senza giustizia.
Quando iniziò i processo,però,il Comune di Siderno, che intitolò “premi ed un monumento”-dice l’ex Sindaco Figliomeni intercettato-si chiamò fuori.
Visto il quadro indiziario che emerge dall’inchiesta “Recupero”,che rappresenta l’ex sindaco di Siderno come un “affiliato”alla potente ‘ndrangheta sidernese sappiamo anche il perchè.
E sappiamo che la linea dura che tenne Calabria Ora su quella vicenda era quella giusta.

Pietro Comito

fonte: Calabria Ora