Stangata alla cosca Farao-Marincola di Crotone

Print Friendly

Stangata alla cosca Farao-Marincola di Crotone

Maxioperazione dei Carabinieri di Varese che alle prime luci dell'alba hanno arrestato trentanove persone in tutta Italia riconducibili alla 'ndrangheta in Lombardia. Due fermati al casinò

 23/04/2009 Trentanove arresti è il bilancio di una maxioperazione dei Carabinieri di Varese.

Alle prime luci dell’alba sono stati emessi provvedimenti nei confronti di una compagine criminale di stampo mafioso riconducibile alla 'n'drangheta in Lombardia.

La banda, affiliata alla cosca Farao-Marincola della provincia di Crotone, operava nelle province di Varese e Milano.
I 39 arresti sono stati compiuti su tutto il territorio nazionale e in particolare nelle Province di Varese, Crotone, Milano, Novara, Lodi, Forlì-Cesena, Roma, Caserta, Potenza e Aosta.
Le accuse per l’associazione di stampo mafioso al termine di indagini iniziate nel 2005, sono di un tentato omicidio, numerose estorsioni a locali pubblici, commercianti e imprese di Varese e Legnano, rapine, usura, incendi, traffico di armi e di esplosivi, riciclaggio, finalizzati ad un meticoloso accumulo di capitali destinati ad essere riciclati in Italia e all’estero.
Ulteriori dettagli dell’operazione ancora in corso saranno forniti nel corso della conferenza stampa che si terrà questa mattina a Milano presso la sala stampa del Comando Regione Carabinieri.

Il dettaglio

Nell’ambito dell’operazione contro alcune famiglie della 'ndrangheta operanti in Lombardia, i carabinieri di Aosta hanno arrestato all’interno del casinò di Saint-Vincent, Luigi Mancuso, di 32 anni, residente a Cirò (Crotone) e domiciliato a Busto Arsizio (Varese), pregiudicato, e Fabio Zocchi, di 47 anni, residente a Gallarate (Varese), pregiudicato. L’inchiesta è coordinata dalla direzione distrettuale antimafia della procura della Repubblica di Milano.

I due arrestati fanno parte di un gruppo di 41 soggetti, tutti appartenenti alla famiglia di 'ndrangheta di Cirò Marina, con infiltrazioni mafiose in Lombardia, tra Busto Arsizio, Gallarate e Legnano. Mancuso e Zocchi sono stati fermati mentre si accingevano ad entrare nella casa da gioco.