Onorata Sanit?: chiesto rinvio a giudizio per Crea e suo figlio

Print Friendly

 

 

Onorata Sanità: chiesto rinvio a giudizio per Crea e suo figlio

Il pm della Dda di Reggio Calabria, Mario Andrigo, ha chiesto oggi il rinvio a giudizio dell’ex consigliere regionale Domenico Crea e di suo figlio, Antonio, coinvolti nell’inchiesta "Onorata sanità" su presunti intrecci tra politica e ‘ndrangheta nella gestione del settore della sanita’ nel reggino.

Crea è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. La richiesta è stata avanzata anche se la Corte d’appello di Reggio deve ancora decidere sulla richiesta di ricusazione del gup Paolo Ramondino chiesta dalla difesa di Crea. Dopo la richiesta il gup, per quanto riguarda la posizione di Crea, ha aggiornato l’udienza al 27 gennaio.

Gli altri imputati detenuti, invece, hanno chiesto il rito abbreviato e l’udienza è stata rinviata al 26 marzo. Tra loro figurano anche Alessandro e Giuseppe Marcianò, padre e figlio, attualmente sotto processo con l’accusa di essere i mandanti dell’omicidio del vice presidente del Consiglio regionale Francesco Fortugno. Gli altri imputati che hanno chiesto il rito abbreviato sono Giuseppe Panzera, medico e genero del boss di Africo Nuovo Giuseppe Morabito, detto "’u tiradrittu’, ed il medico Leonardo Gangemi.

Nella precedente udienza il gup aveva deciso di stralciare la posizione delle persone non detenute per le quali il giudizio proseguirà il 12 febbraio.

L’indagine, coordinata dalla Dda di Reggio e condotta dai carabinieri, aveva portato, nel gennaio 2008, ad una ventina di arresti. (ANSA).

Manuela Foti

Fonte  Reggio TvLunedì 19 gennaio 2009