Assassinato in un bar il boss Carmelo Novella

Print Friendly

14-LUG-08 21:17 REGOLAMENTO DI CONTI

Assassinato in un bar il boss Carmelo Novella

 Esecuzione nella provincia milanese per il presunto capo della cosca calabrese Gallace-Novella. I killer erano a volto scoperto e con dei giubbotti da motociclista

San Vittore Olona, 15 luglio 2008 – E' stato ucciso ieri con 4 colpi di pistola Carmelo Novella, sessantenne di origine calabrese, ma da tempo stabilitosi nell'hinterland del nord di Milano, e sospettato di essere il boss della cosca Gallace-Novella di Guardavalle, nel catanzarese e attiva anche nel reggino. Si era appena alzato dal tavolino di un bar di San Vittore Olona, cittadina dell'Alto milanese, su cui era seduto assieme ad alcuni amici, quando due uomini lo hanno avvicinato e gli hanno sparato due colpi in viso, uno al braccio e uno al torace. E' stato un vero e proprio agguato criminale quello di cui e' rimasto vittima: non a caso i due killer, entrambi a volto scoperto e con due giubbotti scuri da motociclista, lo hanno colpito al volto, sfigurandolo, prima di allontanarsi a piedi. Per gli investigatori che stanno indagando sull'assassinio, Novella ultimamente si dedicava soprattutto al traffico della droga e delle armi. Solo tre mesi fa Novella torno' a far parlare di se' per il suo coinvolgimento in una vasta operazione di confische disposta dalla Dia di Catanzaro contro le organizzazioni 'ndranghetiste. Tra i beni mobili e immobili, fra cui anche due imprese lombarde, raggiunte dal provvedimento cautelare, per un valore di 5 milioni di euro, c'era anche, una chiesa sconsacrata risalente all'epoca bizantina di proprieta' di Carmelo Novella. L'uomo lascia una moglie e un figlio di trent'anni a sua volta coinvolto in passato in indagini legate alla criminalita' organizzata calabrese. Sull'assassinio stanno indagando i carabinieri di Monza e di Legnano.