‘NDRANGHETA-MINNITI E FORGIONE: CALABRIA NESSUNA ZONA D’OMBRA

Print Friendly

'NDRANGHETA/ MINNITI E FORGIONE: CALABRIA NESSUNA ZONA D'OMBRA


Questo arresto getta nuove ombre sul consiglio regionale Calabria

 

Catanzaro, 19 mar. (Apcom) – "La nostra posizione è chiara: vedremo le carte. Tuttavia, penso sia importante che le indagini vadano avanti e che ci sia un forte controllo di legalità in Calabria".

Lo ha detto Marco Minniti, segretario regionale del PD commentando l'arresto del consigliere regionale Franco La Rupa nell'ambito di un'inchiesta condotta dalla Dda di Catanzaro con l'accusa di accusato di avere ottenuto sostegno elettorale dalla cosca di Amantea. "L'interesse della Calabria in senso lato e delle istituzioni calabresi – ha detto ancora Minniti – è che si vada fino in fondo e che non ci sia nessuna zona d'ombra". Il Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, Francesco Forgione, ha commentato l'operazione che oggi ha portato all'arresto, tra gli altri, del consigliere regionale Franco La Rupa affermando che l'arresto "getta ulteriori ombre sul Consiglio Regionale della Calabria. Sarà la magistratura, spero in tempi rapidi, a fare chiarezza, ma ancora una volta – afferma Forgione – emerge un sistema di relazioni trasversale tra la politica, la pubblica amministrazione e gli interessi mafiosi sul territorio che rappresenta la vera e propria cappa per la democrazia calabrese".

"Per questo occorre – ha concluso il presidente della commissione antimafia – voltare pagina nettamente e dare un taglio netto a tutte le zone grigie nella politica e nell'imprenditoria".