FIRMATA UN’INTESA PER L’UTILIZZO DEI BENI CONFISCATI ALLA MAFIA

Print Friendly

 FIRMATA UN'INTESA PER L'UTILIZZO DEI BENI CONFISCATI ALLA MAFIA

al.qua. 25/1) – L'assessore regionale agli Enti locali Sergio Deorsola (foto), su delega della presidente Mercedes Bresso, e il Prefetto di Alessandria hanno firmato ieri, giovedì 24 gennaio, ad Alessandria il Protocollo d'intesa sulla destinazione e sull'utilizzo dei beni immobili confiscati alle organizzazioni di stampo mafioso. Al protocollo hanno aderito, insieme a Regione e Prefettura, la Provincia e il Comune di Alessandria e il Comune di Bosco Marengo.

Il protocollo rientra nelle azioni della legge regionale n.14/2007 "Interventi a favore della prevenzione della criminalità e istituzione della Giornata mondiale della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie", attraverso  la quale la Regione concorre anche al sostegno finanziario dei progetti di recupero e riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata.
Il protocollo d'intesa ha lo scopo di sviluppare gli intenti della Legge n.109/1996 per un utilizzo produttivo con finalità sociali dei beni confiscati, attraverso attività di progettazione, organizzazione, consulenza, animazione, del territorio e supporto formativo dei soggetti interessati.
L'assessore della Regione Piemonte agli Enti locali Sergio Deorsola ha dichiarato: <Il protocollo è il risultato di un momento di sinergia tra le istituzioni ed è rivolto a contrastare il fenomeno della criminalità in modo efficace anche attraverso l'utilizzo dei beni confiscati come simbolo di risorse sottratte al mondo malavitoso e  restituite ai cittadini. In questo senso, l'impegno della Regione si è esplicato attraverso una specifica legge regionale e nell'istituzione della Giornata della memoria delle vittime delle mafie che si celebra il 21 marzo di ogni anno>.