SINDACO SIDERNO ERO TERRORIZZATO

Print Friendly

 

NDRANGHETA/ CONGIUSTA,

SINDACO SIDERNO: ERO TERRORIZZATO


Ed il Comune non si costituì parte civile (CalabriaOra)

Locri (Reggio Cal.), 15 gen. (Apcom) – "Lo volete proprio sapere? Ero terrorizzato… ho moglie e figli…e qui è morta tanta gente. Ho pensato: e se mi ammazzano? E allora ho scelto di non far costituire il comune parte civile".

A dirlo, ieri, al quotidiano CalabriaOra, è stato il sindaco di Siderno (RC), Alessandro Figliomeni, al termine della riunione del Comitato sindaci della Locride, nella quale ha votato come tutti gli altri per costituirsi parte civile, come Comitato, nel processo per l'omicidio di Gianluca Congiusta, assassinato a Siderno nel maggio 2005. Il mese scorso, il Comune di Siderno decise invece di non costituirsi parte civile nel processo Congiusta dopo aver acquisito un parere dell'ufficio legale, nel quale si leggeva, tra l'altro, che l'omicidio era stato commesso da elementi che non erano riconducibili alla criminalità locale. Principale accusato per il delitto, invece, è proprio un boss sidernese, Tommaso Costa. Ieri, a CalabriaOra che gli chiedeva conto del perché avesse detto no alla costituzione di parte civile come Comune e sì, invece, all'interno del Comitato dei sindaci della Locride, Figliomeni ha ammesso di essersi tirato indietro per paura.