E’ giunta l’ora dei reparti speciali dell’esercito ?

Print Friendly

Stralcio di un'intervista all'imprenditore Pippo Callipo

Ex presidente di Confindustria Calabria, vittima di svariati attentati (e minacce), imprenditore-coraggio… Scegliete voi dal cesto delle qualifiche quella che più si attagli al “re del tonno” Pippo Callipo, che si ritrova al vertice di una delle più importanti realtà meridionali del volley maschile ma si guarda bene dallo scacciare la “palla” delle responsabilità.

Il presidente del Tribunale di Locri Domenico Ielasi e, più di recente, l’ex c apo dei gip catanzaresi e neosottosegretario regionale a Sicurezza e Legalità Antonio Baudi hanno detto: sì all’esercito in Calabria. Callipo… le ricorda qualcosa?
<E certo. Quando io feci, per primo, quella proposta rivolgendomi all’allora presidente della Repubblica Ciampi, i politici assecondarono lo sport più praticato in Calabria: se la presero con me, perché secondo loro volevo “militarizzare” la Calabria. Ma quando un dito indica la luna, solo lo stupido guarda il dito… Il problema vero era, ed è: ci sono oppure no, situazioni tali da richiedere un immediato intervento delle Forze armate in Calabria per ripristinare la legalità?>.