San Luca. Dopo baciamano al boss il vescovo rinvia le cresime

Antonio Maria Mira mercoledì 7 giugno 2017

La scelta del vescovo Oliva: inchinarsi ai clan rende schiavi., ci si inchina solo per cambiare vita. Nel paese del boss il 21 giugno digiuno e cresime rinviate

baciamano

«Inchinarsi al potere umano, e ancor più al potere mafioso, rende schiavi ed uccide la speranza. Torniamo al Signore con una fede autentica che non scende a compromessi col male».

Leggi il resto

Sotto indagine per ‘ndrangheta: sostituito il rettore del santuario di Polsi Don Pino Strangio

Don Pino Strangio guidava il luogo simbolo dell’Aspromonte attorno al quale avvenivano i summit delle cosche. Ora è accusato di associazione mafiosa e violazione della legge Anselmi. Il vescovo di Locri scrive al successore: “Vangelo rifiuta il compromesso con l’arroganza criminale”

don-pino-strangio-evidenza

di ALESSIA CANDITO
REGGIO CALABRIA – Cambio al vertice al santuario di Polsi, luogo simbolo per gli uomini della ‘ndrangheta, attorno al quale, ogni settembre nei giorni della festa della Madonna, si danno appuntamento i rappresentanti dell’ala militare delle cosche più potenti.

Leggi il resto