Ipse dixit a cura di Lorenzo Frigerio

Print Friendly



IPSE DIXIT

a cura di Lorenzo Frigerio

Pertini: «I corrotti ed i disonesti
sono indegni di appartenere al
popolo italiano»

Io sono orgoglioso di appartenere al popolo italiano.


Ripeto, il popolo italiano
non si considera superiore ad altri popoli, ma non è neppure inferiore agli altri popoli. Bisogna essere degni del popolo italiano.


Non è degno dél popolo italiano colui che compie atti di disonestà.


I corrotti ed i disonesti sono indegni di appartenere al popolo italiano, e devono essere colpiti senza alcuna considerazione.


Guai se qualcuno per amicizia o solidarietà di partito dovesse sostenere questi corrotti e difenderli.


In questo caso la solidarietà, l’amicizia di partito diventa complicità ed omertà.
Deve essere dato, ripeto, il bando a questi disonesti ed a questi corrotti che offendono il popolo italiano.


Offendono i milioni e milioni di italiani che pur di vivere onesti impongono gravi sacrifici a se stessi e alle loro famiglie.


Io credo quindi al popolo italiano e sono orgoglioso di essere italiano.


Messaggio di fine anno del Presidente
della Repubblica
Palazzo del Quirinale 31 dicembre
1980.
Sandro Pertini, Presidente della Repubblica
1978 – 1985