Siderno, danneggiato lo stabilimento balneare per portatori di handcap

Print Friendly
Siderno, danneggiata struttura balneare per portatori di handicap
Distrutti gli ombrelloni, arrecati gravi danni alla struttura dell’Uildm. Il sindaco Riccardo Ritorto e l’intera amministrazione comunalehanno espresso solidarietà per il vile atto

Siderno, danneggiata struttura balneare  per portatori di handicap

 

 

17/08/2011 La struttura balneare dell’Uildm di Siderno (Rc), che ospita portatori di handicap, è stata oggetto di un atto vile e delinquenziale. A darne notizia è stato Giuseppe Congiusta, presidente dell’associazone sidernese.

Nella notte ignori hanno distrutto tutti gli ombrelloni (circa 20) arrecando anche gravi danni alla struttura ubicata sulla spiaggia del frequentatissimo lungomare citttadino. Da segnalare, che proprio ieri notte a Siderno, si è svolto il tradizionale appuntamento con una mega festa di giovani, il «Welcome to Japan», che ha richiamato anche quest’anno migliaia di persone proveniente da ogni parte della Calabria e dalla vicina Sicilia.
Congiusta si è detto rammaricato per l’accaduto visto che ad essere colpiti sono stati i tanti soggetti diversamente abili della zona che frequentavano la struttura e che pertanto, almeno per ora, non avranno più la possibilità di poter usufruire dei loro spazi a mare. Sul caso indagano Carabinieri e Polizia di Siderno.
Il sindaco Riccardo Ritorto e l’intera amministrazione comunale, esprimono totale ed incondizionata solidarietà al presidente dell’Uildm di Siderno (Unione Italiana Lotta alle Distrofie Muscolari) Giuseppe Congiusta, per il vile ed inqualificabile gesto perpetrato ai danni della struttura balneare ubicata lungo la spiaggia del Lungomare delle Palme. «Questi atti delinquenziali – è scritto nella nota – offendono l’intera comunità sidernese che vanta tradizioni di città aperta, laboriosa e solidale. Pertanto si condannano fermamente questi atti ignobili, nella speranza che gli autori materiali quanto prima possano essere individuati dalle forze dell’ordine».