Locri, pregiudicato e figlio in fin di vita dopo agguato

Print Friendly

Locri, pregiudicato e figlio in fin di vita dopo agguato 

REGGIO CALABRIA (Reuters) – Un pregiudicato residente a Torino ma originario della Locride è in fin di vita assieme al figlio diciassettenne dopo esser stato vittima nella notte di un agguato, tra San Luca e Bovalino, nei pressi dell'abitazione di famiglia.

Lo hanno riferito i carabinieri.Secondo quanto riscontrato, un gruppo di sicari, almeno tre, hanno sparato diversi colpi d'arma da fuoco contro Giuseppe Gioffrè 51 anni ed il figlio Arcangelo di 17, che si trovavano sotto casa.I due sono stati raggiunti da cinque proiettili ciascuno e sono ora ricoverati in fin di vita nell'ospedale di Locri.Giuseppe Gioffrè, hanno riferito gli inquirenti, ha precedenti per mafia e traffico internazionale di stupefacenti.Sono in corso indagini anche con gli inquirenti di Torino, dove i due risiedono, per accertare eventuali legami del padre con la malavita del capoluogo piemontese.