Al Sud forti infiltrazioni mafiose nella Pa

Print Friendly

 Al Sud forti infiltrazioni mafiose nella Pa

 

Il voto di scambio, sempre più diffuso nelle regioni del Sud, con finanziamenti ai boss di mafia e 'ndrangheta per ottenere consensi. E lo smaltimento rifiuti diventato ormai core business della camorra.

Nella relazione 1° luglio 2006-30 giugno 2007 della Dna (direzione nazionale antimafia), guidata da Piero Grasso, diffusa ieri, l'indice è puntato sull'intreccio criminalità organizzata-politica: con inchieste avviate dai magistrati dei distretti di Napoli, Messina, Salerno, Catanzaro, Reggio Calabria e Cagliari. La prevenzione, sottolinea la relazione, è affidata in gran parte proprio al lavoro dei magistrati, ma l'attività di indagine si svolge «spesso a distanza di lungo tempo dal verificarsi del fatto criminoso e con esiti non sempre confortanti». Il timore, ammesso esplicitamente, è che nelle zone ad alta densità criminale si possa creare «un governo mafioso» grazie alle risorse pubbliche. Un timore, probabilmente, in parte già realtà.
C'è di più: secondo il sostituto della Dda di Reggio Calabria, Nicola Gratteri, poiché nella sua regione ci sono pochi procedimenti penali sulla collusione fra politici e boss, ciò significa che «la 'ndrangheta è ancora più forte e lascia meno tracce di tutti». Poi Gratteri aggiunge: «I rapporti tra 'ndrangheta e politica, in assenza di apporti collaborativi (pentiti, ndr) , sono difficilmente dimostrabili. Servirebbero anche strumenti legislativi più appropriati. L'attuale normativa – sostiene il magistrato – limita, infatti, l'operatività sul piano giudiziario perché non è facile dimostrare che il sostegno elettorale da parte delle organizzazioni criminali è stato ripagato da chi ne ha beneficiato con dazioni di denaro. Sarebbero più facilmente dimostrabili – avverte Gratteri – benefici di altro tipo, come un vantaggio in materia di assunzioni o di subappalti».
Amara la considerazione del presidente della commissione Antimafia, Francesco Forgione (Rc): «Il limite è ormai superato e questo tema riguarda centro, destra e sinistra, come dimostrano le ultime vicende in Campania e in Calabria».
C'è poi anche un rischio-omicidi, di natura mafiosa, «concreto e attuale», che minaccia le istituzioni. Dice la Dna: non può «essere sottovalutato» il pericolo costituito da «azioni volte a colpire quegli esponenti dello Stato che a causa dell'adempimento dei propri doveri istituzionali vengono individuati come punti di resistenza e di dissenso da abbattere». L'obiettivo minaccioso di Cosa nostra resta insomma anche quello di realizzare e confermare «un clima di acquiescenza, di arretramento rispetto alle motivazioni anche etiche, che spingono a una ferma, istituzionale opposizione al fenomeno mafioso».
Altrettanta impressione fa l'impero economico e criminale consolidato dalla camorra. Lo smaltimento dei rifiuti in Campania ha preso il posto del contrabbando delle sigarette. I magistrati della direzione nazionale antimafia sostengono che «l'emergenza rifiuti è stata elevata a sistema, grazie a una perversa strategia politico-economico-criminale». Oggi, per la Dna, l'Ecomafia veste i panni della camorra. Una sorta di specializzazione produttiva-criminale, che «alimenta ad arte» l'emergenza rifiuti.

marco.ludovico@ilsole24ore.com