Il Comitato dei Sindaci sulla costituzione di parte civile A Siderno il voto all’unanimità

Print Friendly

 Il Comitato dei Sindaci sulla costituzione di parte civile

A Siderno il voto all’unanimità

 

di aristide bava da www.promomediaonline.tv

 Il Comitato dei sindaci della Locride, presieduto da Salvatore Galluzzo, sindaco di Gerace, ha deliberato all’unanimità il parere favorevole alla costituzione di parte civile nel processo per l’omicidio di Gianluca Congiusta, anche se ha espresso parere contrario alla modifica degli statuti per inserire l’obbligo di costituzione in tutti i delitti di mafia. Lo ha fatto al termine di una riunione nel corso della quale, tra l’altro, i sindaci hanno anche espresso solidarietà all’Amministrazione comunale di Siderno, che in quest’ultimo periodo è stata oggetto di forti accuse per la sua precedente decisione di non costituirsi autonomamente parte civile nel processo in questione.
La decisione positiva del Comitato dei sindaci è stata deliberata come «segno che il danno compiuto dalla ’ndrangheta sul territorio non danneggia un singolo comune ma tutto il comprensorio». Ed è per questo – sostengono i sindaci – che la Locride deve reagire in modo unitario.

Una decisione bene accetta anche dal sindaco di Siderno, Alessandro Figliomeni che non solo non ha avuto alcuna difficoltà a modificare la sua precedente decisione (anche perché, in questo senso, aveva avuto mandato dalle forze politiche che sostengono la sua maggioranza di centrodestra), ma ha anche avanzato una proposta, accettata dagli altri sindaci, di sollecitare la Prefettura di Reggio Calabria ad indire la riunione del Comitato di indirizzo per la sicurezza e la legalità, al fine di costituire un organismo per il contrasto al racket, all’usura e favorire la libertà d’impresa. Intanto, dopo la decisione del Comitato dei sindaci, I partiti della coalizione sidernese di centrodestra, hanno diramato un comunicato stampa in cui dichiarano di aver «preso atto con soddisfazione della determinazione assunta dal comitato dei Sindaci che all’unanimità hanno espresso parere contrario alla richiesta di modifica degli statuti per l’inserimento dell’obbligo di costituzione di parte civile in tutti i processi di mafia». E plaudono alla solidarietà espressa al sindaco Figliomeni e all’intera Amministrazione Comunale di Siderno per le aggressioni ricevute attraverso alcuni organi di stampa, che a parer loro sono da definirsi «ingiustificate» e considerano giusta e razionale la decisione presa dal comitato dei sindaci di costituirsi parte civile nel processo per l’omicidio di Gianluca Congiusta, motivata dal presidente Galluzzo con la considerazione che il danno all’immagine è di tutto il territorio locrideo».
Nel documento, i rappresentanti di Alleanza nazionale, Forza Italia, Nuovo Psi e Udc , firmatari della nota, «fanno proprie le determinazioni assunte dal Comitato dei Sindaci in ordine alla necessità di affrontare uniti i gravi problemi che assillano l’intero territorio in materia di ordine pubblico e lotta alla criminalità che frenano lo sviluppo, la crescita economica, sociale e culturale della comunità. Condividono la sollecitazione fatta dal sindaco di Siderno alla Prefettura di Reggio Calabria per indire la riunione del Comitato di indirizzo per la sicurezza e la legalità, al fine di costituire un organismo per il contrasto al racket, all’usura e favorire la libertà d’impresa» e quindi, invitano l’Associazione dei sindaci «a continuare nella sua missione con la responsabilità finora dimostrata, respingendo i tentativi di devianza politica che si sono destati strumentalizzando un doloroso evento avvenuto nella nostra città».