Siderno-Caos bancarelle- Parte la petizione per lo spostamento della fiera e riservare il centro cittadino solo ai festeggiamenti religiosi

Print Friendly

bancarelle

di Gianluca Albanese

SIDERNO – La fiera di Portosalvo, in occasione dei solenni festeggiamenti per la Patrona di Siderno, inizia ufficialmente domani, con tutto il suo carico di disagi per i residenti del centro cittadino, che stanchi di rimanere “ostaggio” delle bancarelle che affolleranno le principali arterie di Siderno, hanno avviato, da un paio di giorni, una petizione on line, per chiedere lo spostamento della fiera di Portosalvo per temuto pericolo, motivi igienici e altro.
Leggi il resto

‘Ndrangheta, i boss tornano in libertà: “Hanno protezioni altissime” „’Ndrangheta, i boss tornano in libertà: “Hanno protezioni altissime”

Print Friendly

„Con alcune scarcerazioni attese a breve la ‘ndrangheta torna ad avere “a disposizione” i suoi uomini di punta a Reggio Calabria. Lo scrive Giovanni Tizian in un lungo articolo sull’Espresso“

no ndrangheta

Gli uomini della famiglia De Stefano verranno scarcerati a breve. Sono la ’ndrina più potente dello Stretto, e godono di altissime protezioni.

Leggi il resto

Vittorio Casamonica, il rom diventato un boss da un miliardo di euro

Print Friendly

1440145183262.jpg--vittorio_casamonica__il_rom_diventato_un_boss_da_un_miliardo_di_euro

Da zingaro a «Re di Roma». Vittorio Casamonica era arrivato in città negli anni Settanta: un semplice nomade abruzzese di etnia sinti. Se n’ è andato a 65 anni acclamato come un moderno imperatore. A vedere la foto sui maxiposter davanti alla chiesa, col vestito bianco immacolato e la croce di platino al petto, sembra quasi atteggiarsi a Papa.
Storia lunga e violenta quella dei Casamonica. Un impero partito con il commercio di cavalli, costruito col racket e tassi di usura dal 200 al 300%, consolidato col traffico di droga in mezza Europa, e infine ripulito attraverso il settore immobiliare e quello automobilistico.

Vittorio ha conosciuto la Roma della banda della Magliana, ha frequentato la scuola criminale di «Renatino» De Pedis e compari, è diventato l’ addetto al recupero crediti di Enrico Nicoletti, potente cassiere della Magliana. Uno che nel 1990 risultava nullatenente, dichiarando al fisco 450mila lire l’ anno e che secondo la Guardia di Finanza aveva un tesoro di oltre duemila miliardi di lire, oltre un miliardo di euro.

Casamonica «compra» i debitori insolventi e recupera i soldi con metodi da gangster. Un esempio è la storia di Giuseppe Sordini, proprietario di una concessionaria d’ auto sull’ Anagnina che si permette di non restituire l’ anticipo versato da un uomo di Nicoletti. Gli fa visita un certo Marco «er pugile», che non trovandolo al negozio manda all’ ospedale un dipendente. Sordini, temerario quanto «insolente», denuncia tutto ai carabinieri e un giorno, mentre va dal barbiere, si trova davanti due persone con passamontagna e mazza da baseball: finisce in ospedale con trauma cranico, frattura di menisco, legamenti, tibia e una diottria in meno. Quando riprende l’ uso della parola racconta che prima dell’ aggressione aveva incrociato in strada uno zingaro del clan dei Casamonica.

Sono gli anni della «formazione». Vittorio Casamonica osserva e impara il mestiere, capisce come muoversi, stringe alleanze, evita guerre. Il suo clan diventa il più potente del Lazio (90 milioni di euro stando ai dati della Dia) e per oltre trent’ anni tiene le fila di un gruppo che secondo un indagine del 2008 è composto da 350 nomadi sinti e può contare su almeno un migliaio di affiliati.
Negli ultimi anni il clan è travolto da molte inchieste che portano ad arresti e sequestri per decine di milioni di euro. Ma non basta. Proprio come l’ impero romano, quello dei Casamonica incassa i colpi ma non crolla perché ha fondamenta forti, che affondano anche nel fango della politica. Ancora più forti, però, sono i rapporti con la ‘ndrangheta, come dimostra l’ accordo scoperto nel marzo 2010 tra Rocco Casamonica e Pietro D’ Ardes, ex ispettore del lavoro rinviato a giudizio nel 2009 dalla procura di Palmi per associazione a delinquere in concorso con esponenti della ‘ndrangheta e noto per i suoi rapporti con il clan camorristico dei Casalesi.

L’ unione, che ha sancito una cooperazione «mafiosa con le famiglie della ‘ndrangheta calabrese dei Piromalli, Alvaro e Mole», puntava agli appalti nella gestione dei rifiuti in Campania attraverso la costituzione di società in Campania e in Calabria. Un giro d’ affari da 40 milioni. A che servono tutti questi soldi? Auto veloci, ville, piscine e anche reperti archeologici di 2500 anni fa. Sì, durante un blitz del 2004, a casa del re di Roma trovano anche questo.

Salvatore Garzillo

Cartelli anti ’ndrangheta, il sindaco di Locri scrive a Scanagatti: «Parla senza conoscere»

Print Friendly

È polemica a distanza tra il sindaco di Monza e presidente dell’Anci Lombardia Roberto Scanagatti e l’omologo di Locri, il primo cittadino Giovanni Calabrese, dopo la decisione della giunta calabrese di rifiutare l’installazione di cartelli che dicono no alla ‘ndrangheta.

giovanni calabrese

È polemica a distanza tra il sindaco di Monza e presidente dell’Anci Lombardia Roberto Scanagatti e l’omologo di Locri, il primo cittadino Giovanni Calabrese dopo la decisione della giunta calabrese di rifiutare l’installazione di cartelli che dicono no alla ‘ndrangheta. Scanagatti nei giorni scorsi si era detto: «Stupito e amareggiato». «Lo dico da Sindaco, oltre che da presidente di Anci Lombardia. Per sconfiggere e mettere nell’angolo la criminalità i gesti simbolici, lungi dall’essere inutili e ridicoli, servono eccome». Scanagatti ha citato l’albero di Falcone e Borsellino, a Palermo.

Leggi il resto

Gianluca’s Sister Missive – English Version

Print Friendly

Pubblichiamo la traduzione integrale della lettera di Roberta Congiusta (qui in versione italiana). Traduzione a cura del professor Dr. Alberto Corbino.

 

gianluca da corriere della locride

 

Homage to Gianluca Congiusta, a young businessman from Calabria, an innocent victim of the ‘Ndrangheta and our indifference.

During the Summer Term Course field study in July of 2013, we met with Mario Congiusta, the father of Gianluca, the young entrepreneur assassinated on May 24, 2005 in Siderno by the ‘Ndrangheta, the powerful and bloody Calabrian mafia.

Leggi il resto

Lido UILDM: Domani un corteo di condanna, Monsignor Oliva e Pietro Fuda insieme in prima linea

Print Friendly

Alla manifestazione hanno aderito Libera-Coordinamento della Locride, la Gianluca Congiusta Onlus e l’Associazione Cambi@menti

uildm telemia              libera

Per volontà del vescovo di Locri, Monsignor Francesco Oliva e del sindaco di Siderno, senatore Fuda, domani sera alle ore 20,30 un corteo di condanna al vile atto perpetrato giovedì notte ai danni dello stabilimento balneare dell’UILDM, partirà da piazza municipio e approderà davanti al lido della solidarietà del Signor Giuseppe Congiusta e dell’Unione Italiana contro la Distrofia Muscolare.

Leggi il resto

‘Ndrangheta, inchiesta ‘Circolo Formato’: confermate condanne per ex sindaco e Mazzaferro –

Print Friendly

rocco femia-anteprima-400x257-311067

La Corte d’Appello di Reggio Calabria ha in parte confermato è in parte rivisto le condanne scaturite dall’operazione ”Circolo formato” contro presunti vertici e affiliati alla cosca Mazzaferro di Marina di Gioiosa Ionica accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa e di reati in materia di droga. Tra i condannati figurano l’ex sindaco Rocco Femia, due ex assessori e il presunto boss Ernesto Mazzaferro.

Leggi il resto