Bologna, in 200mila per Libera e don Ciotti: “Corruzione e mafia facce della stessa medaglia”

Print Friendly

In decine di migliaia sfilano periferia al centro: associazioni, studenti, cittadini: “Al Nord non è infiltrazione, ma occupazione”. Applausi e fiori dai cittadini alle finestre. Il presidente del Senato Grasso: “Le norme non devono essere annacquate”. I parenti delle vittime: “Ogni giorno sia il 21 marzo”

bologna 3

di ELEONORA CAPELLI e ILARIA VENTURI
BOLOGNA -  Decine di migliaia di persone, almeno 200mila secondo gli organizzatori, hanno partecipato alla Giornata contro le mafie di Libera a Bologna.

Leggi il resto

Gianluca Congiusta, sospeso tra i “vuoti” dello Stato

Print Friendly

helios

giustizia  

L’imprenditore sidernese vittima innocente della criminalità da 10 anni è in attesa di giustizia

MARIO

inforedazionale a cura di mario congiusta

Erano le 22.30 circa del 24 maggio del 2005, la mano assassina di un appartenente alle consorterie criminali sidernesi ha spento per sempre la vita di Gianluca Congiusta, 32 anni, imprenditore nel settore della telefonia illuminato e coraggioso, per aver scelto di non andare via dalla Locride, per aver scelto, si scoprirà dopo, di non abbandonare al proprio destino persone a lui care. Ucciso mentre rientrava a casa, in quel momento inspiegabilmente.

Leggi il resto

Morte di un guerriero

Print Friendly

gianluca congiusta (2)

La sera del 24 maggio 2005, Gianluca Congiusta si trova a bordo della sua auto. Percorre le strade di Siderno, sta tornando a casa. Non sa che nei suoi confronti, il più illecito dei tribunali, ha già decretato una condanna a morte. Nella terza puntata di A SANGUE FREDDO dal titolo “Morte di un guerriero – il delitto Congiusta”, ripercorreremo la vicenda del giovane imprenditore ucciso dalla ‘ndrangheta. Opiti in studio il padre, Mario Congiusta, il giornalista Pasquale Violi e l’amico Matteo Muià.

fonte: http://www.lactv.it/