Ciavula aderisce a “Le radici della memoria”

Print Friendly

La cooperativa Sankara di Gioiosa Ionica e la testata giornalistica Ciavula.it sostengono e aderiscono idealmente all’iniziativa “le radici della Memoria” organizzata dalle associazioni Cambi@menti, Libera, Don Milani e Gianluca Congiusta Onlus in occasione del decennale della barbara uccisione di Gianluca Congiusta, Vittima innocente della criminalità organizzata.

Logo Radici della Memoria

LE RADICI DELLA MEMORIA. PER TENERE VIVO E ALIMENTARE IL RICORDO
IL 24 MAGGIO APPUNTAMENTO A SIDERNO CON DON LUIGI CIOTTI NEL LUOGO DOVE FU UCCISO GIANLUCA CONGIUSTA PER UNA GIORNATA DEDICATA A TUTTE LE VITTIME DELLE MAFIE

Il 24 maggio 2005, a Siderno, sulla jonica reggina, la barbara uccisione di Gianluca Congiusta, commerciante trentunenne. L’ennesima vittima innocente della ’ndrangheta. 10 anni dopo, il 24 maggio 2015, le associazioni Cambiamenti, Libera Locride, Don Milani, Gianluca Congiusta Onlus, con il Patrocinio del Comune di Siderno, organizzano una giornata per ricordare Gianluca e tutte le vittime innocenti della criminalità organizzata.

Leggi il resto

Noi tutti, partigiani di una nuova resistenza

Print Friendly

Lettera aperta del Parroco Don Pino Demasi ai giovanissimi, in occasione del settantesimo anniversario della Liberazione.

25 aprile

Cari ragazzi, ho provato l’altro giorno a parlare con alcuni di voi del 25 aprile e della lotta di Liberazione. Ho visto che  eravate completamente “digiuni”. La cosa mi ha fatto molto riflettere. Ma non me la son sentita di recriminarvi perché ho capito che la colpa non era vostra ma di noi adulti, che vi stiamo consegnando un Paese “senza memoria”.

 

Leggi il resto

La ‘ndrangheta fa schifo… in tutte le lingue del mondo

Print Friendly

Il sindaco di Varese Attilio Fontana insieme a undici colleghi di comuni del centro nord ha partecipato ad un video che sarà diffuso per Expo, dove si esprime un solo concetto: mafia e ‘drangheta fanno schifo.

fatevi-belli-445190.610x431

Il sindaco di Varese Attilio Fontana insieme a undici colleghi di comuni del centro nord (Rho, Fino Morasco, Pioltello, Reggio Emilia, Sarzana, Chivasso, Piacenza, Altopascio, Desio e Trezzano sul Naviglio) ha partecipato ad un video che sarà diffuso a partire dal 1° maggio, dove si esprime un solo concetto chiave: la ‘drangheta fa schifo, in qualunque lingua del mondo.

Leggi il resto

Omicidio Congiusta/Il pentito in aula “Forse l’ha ucciso mio fratello”

Print Friendly

Clamorosa dichiarazione di Giuseppe Costa, che ora non esclude la responsabilità dell’imputato Tommaso.

” la ‘ndrangheta è prodezza, saggezza e coraggio ed io ho iniziato a collaborare per proteggere la mia famiglia”

giuseppe e tommaso costa (2) - Copia

Giuseppe e Tommaso Costa

di Simona Musco

«Potrebbe anche essere stato mio fratello Tommaso ad uccidere Gianluca Congiusta».

Leggi il resto

Omicidio Congiusta-Lo sfogo di Costa “Il PM ha esagerato”

Print Friendly

Il boss di Siderno, imputato per la morte dell’imprenditore, se la prende con il magistrato della DDA Antonio De Bernardo: “Sapevo di essere registrato, quei verbali non possono essere definiti intercettazioni”

de bernardo

Antonio De Bernardo

di Simona Musco

«Il pm ha esagerato….». Prima di dare il via al confronto tra i pentiti Vincenzo Curato, Giuseppe Costa e Michele Armigero, l’imputato Tommaso Costa, accusato di aver ucciso Gianluca Congiusta, l’imprenditore di Siderno freddato il 24 maggio 2005, ha voluto prendere la parola.

Leggi il resto

Siderno: L’Associazione Cambiamenti chiede l’intitolazione di una strada a Gianluca Congiusta

Print Friendly

monumento

Sono molteplici gli sforzi portati avanti dall’Associazione Cambi@Menti che già nel mese di febbraio  ha fatto formale richiesta alla triade commissariale del Comune di Siderno per l’intitolazione dell’attuale Via Torrente  Arena o del largo/piazza, dove attualmente ricade la stele, a Gianluca Congiusta.

Gianluca, vittima innocente della criminalità organizzata, venne barbaramente ucciso in tale via il 24 maggio del 2005, e il 24 maggio p.v. ricorrerà il decimo anniversario. In questi anni Mario Congiusta, padre di Gianluca, ha dato una lezione di civiltà, dignità e di forza cercando giustizia e non vendetta. Egli rappresenta per noi il desiderio di “cambiare”, rispettando le regole e chiedendo che vengano rispettati i più elementari diritti.

Noi dell’Associazione Cambi@Menti, riteniamo che l’intitolazione di una strada alla memoria di Gianluca sia un atto dovuto e di civiltà che possa in qualche modo, far sentire la cittadinanza Sidernese vicina alla famiglia Congiusta e nello stesso tempo, alleviare le ferite e le sofferenza che i familiari di Gianluca porteranno per sempre. Dagli organi di stampa abbiamo appreso che le varie forze politiche hanno deciso, proprio nel giorno dell’anniversario della morte di Gianluca,di sospendere la campagna elettorale e,proprio per la sensibilità dimostrata, auspichiamo che, a prescindere da chi verrà eletto sindaco, porti avanti la “battaglia di Mario”. Battaglia che è di tutta la gente che cerca di riscattare il nostro territorio.

Considerato che per l’intitolazione della strada, l’iter si presenta piuttosto lungo, non essendo passati ancora i 10 anni, chiediamo ai candidati a sindaco di prendere l’impegno a compiere ogni azione amministrativa utile affinché finalmente quel luogo venga intitolato a Gianluca Congiusta.

Pertanto, oltre che l’intitolazione della strada l’Associazione Cambi@Menti, in stretta collaborazione con la Gianluca Congiusta Onlus ed altre associazioni, sta da tempo preparando un ricco programma di una giornata della memoria per il 24 maggio, per ricordare Gianluca e Tutte le vittime innocenti.

fonte:corriere della locride